Home Parliamo di

Parliamo di


foie-gras-di-oca

Il foie gras di anatra o di oca è destinato a scomparire?

La notizia è che la stragrande maggioranza delle catene dei supermercati che operano in Italia ha deciso di interrompere la vendita del “foie gras” di anatra o di oca. Quest'ultimo non è altro che fegato di anatre o di oche “steatosico”, ovvero infarcito di grasso ottenuto con una particolare tecnica di allevamento. Tale alimento non è di uso molto comune, ma è molto apprezzato dai buongustai soprattutto francesi.
farfalline pasta

Farfalline nella pasta o nei biscotti? Ecco cosa sono e come comportarsi

Trovare la pasta o i biscotti “contaminati” da vermetti, farfalline o altri piccoli insetti è un fenomeno non troppo raro. Si tratta di situazioni che generano preoccupazione e anche ribrezzo benché si tratti di fenomeni del tutto “naturali”. Cerchiamo di capire da cosa dipendono.
caviale e uova dei pesci

Caviale e altri alimenti ottenuti dalle uova dei pesci: ecco cosa sapere

Anche se sono in molti a ritenere che dalle uova dei pesci si ricavi soltanto il caviale, sono molti gli alimenti che se ne possono ricavare da quelli di acqua dolce, di acqua salata e anche dai ricci di mare. Le uova dei pesci sono alimenti di ottimo valore nutrizionale anche se spesso le perdiamo eliminando dai pesci le “interiora”. E’ invece possibile raccoglierle e conservarle ricavandone degli alimenti di pregio e particolarmente apprezzate dai buongustai. 
pasqua covid

Colombe e uova di Pasqua in tempo di Covid? Qualche consiglio

La “clausura” dovuta al Covid con ogni probabilità ci costringerà a modificare il modo di festeggiare il periodo di Pasqua e in particolare il consumo dei dolci tipici del periodo. Probabilmente quest’anno saranno in molti a prepararli in casa con un incremento della produzione di ciambelloni, pastiere, torte , crostate, ecc. che almeno in parte andranno a sostituire le classiche “colombe” che di norma acquistiamo nei negozi.
Momò

Comprato e abbandonato: Momò merita una nuova vita

LNDC Animal Protection lancia un appello a tutti i cittadini per adottare Momò, il bracco ungherese che dopo aver sviluppato una dermatite autoimmune è stato lasciato al dog sitter che lo accudiva mentre il suo proprietario è sparito nel nulla, tornando in Irlanda. Ora non può più essere curato e rischia il canile se non verrà adottato.
farmaci-veterinari-per-cani-e-gatti

Farmaci veterinari per cani e gatti, ecco perché sono sicuri!

I farmaci veterinari per cani e gatti che troviamo in vendita sono sicuri e efficaci, ma è necessario che ci sia una prescrizione di un medico veterinario e che si rispettino le condizioni di uso indicate nei foglietti illustrativi. In un passato non troppo remoto, non esistevano le specialità medicinali per gli animali da compagnia e il ricorso a quelle “umane” era quasi una necessità.
truffe-online

Truffe online: la nuova frontiera è la fasulla vendita di barboncini

La nuova frontiera delle truffe online passa dal mondo degli animali (e dei futuri pet owners) e consiste in una fasulla vendita di barboncini toy, una razza di cane molto di moda e pertanto parecchio ambiti in questo periodo.

Il mondo visto con gli occhi azzurri di Trilli, una gatta in ambulatorio

Taglia piccola, all'apparenza due anni di età, pelo corto di tre colori e una "mascherina" sul musetto a dividerlo in due metà perfette. Trilli, la gatta dagli occhi azzurri, è rimasta ricoverata in degenza in un ambulatorio veterinario per diverse settimane. Durante il periodo trascorso in ambulatorio, la gatta ha avuto modo di conoscere tanti nuovi amici a quattro zampe ed esseri umani.
alcol

Alcol etilico, perché è così pericoloso per cani e gatti?

L’alcol etilico lo troviamo in numerose bevande (vino, birra, grappa, ecc.), come conservante in alcuni alimenti ed è anche utilizzato come disinfettante di ferite superficiale o di ambienti. E’ a tutti noto che l’assunzione di alcol ha effetti sul sistema nervoso provocando alterazioni del comportamento che vanno dalla semplice ebbrezza all’ubriachezza.
cane taro

Ogni cane merita una seconda possibilità: la storia di Taro

Quando la genetica non ti aiuta e nasci grosso, nero e con inclinazioni di razza che giustificano assolutamente il tuo aspetto fisico, allora potresti essere un incrocio Pastore Tedesco/Rottweiler. Se poi sei nato in una cascina in provincia di Milano, dove tu e i tuoi fratelli rischiate di venire affogati, allora potresti chiamarti Taro.
x CHIUDI MESSAGGIO PUBBLICITARIO
x CHIUDI MESSAGGIO PUBBLICITARIO