Home Parliamo di La voce del consumatore

La voce del consumatore


foie-gras-di-oca

Il foie gras di anatra o di oca è destinato a scomparire?

La notizia è che la stragrande maggioranza delle catene dei supermercati che operano in Italia ha deciso di interrompere la vendita del “foie gras” di anatra o di oca. Quest'ultimo non è altro che fegato di anatre o di oche “steatosico”, ovvero infarcito di grasso ottenuto con una particolare tecnica di allevamento. Tale alimento non è di uso molto comune, ma è molto apprezzato dai buongustai soprattutto francesi.
farfalline pasta

Farfalline nella pasta o nei biscotti? Ecco cosa sono e come comportarsi

Trovare la pasta o i biscotti “contaminati” da vermetti, farfalline o altri piccoli insetti è un fenomeno non troppo raro. Si tratta di situazioni che generano preoccupazione e anche ribrezzo benché si tratti di fenomeni del tutto “naturali”. Cerchiamo di capire da cosa dipendono.
caviale e uova dei pesci

Caviale e altri alimenti ottenuti dalle uova dei pesci: ecco cosa sapere

Anche se sono in molti a ritenere che dalle uova dei pesci si ricavi soltanto il caviale, sono molti gli alimenti che se ne possono ricavare da quelli di acqua dolce, di acqua salata e anche dai ricci di mare. Le uova dei pesci sono alimenti di ottimo valore nutrizionale anche se spesso le perdiamo eliminando dai pesci le “interiora”. E’ invece possibile raccoglierle e conservarle ricavandone degli alimenti di pregio e particolarmente apprezzate dai buongustai. 
pasqua covid

Colombe e uova di Pasqua in tempo di Covid? Qualche consiglio

La “clausura” dovuta al Covid con ogni probabilità ci costringerà a modificare il modo di festeggiare il periodo di Pasqua e in particolare il consumo dei dolci tipici del periodo. Probabilmente quest’anno saranno in molti a prepararli in casa con un incremento della produzione di ciambelloni, pastiere, torte , crostate, ecc. che almeno in parte andranno a sostituire le classiche “colombe” che di norma acquistiamo nei negozi.
farmaci-veterinari-per-cani-e-gatti

Farmaci veterinari per cani e gatti, ecco perché sono sicuri!

I farmaci veterinari per cani e gatti che troviamo in vendita sono sicuri e efficaci, ma è necessario che ci sia una prescrizione di un medico veterinario e che si rispettino le condizioni di uso indicate nei foglietti illustrativi. In un passato non troppo remoto, non esistevano le specialità medicinali per gli animali da compagnia e il ricorso a quelle “umane” era quasi una necessità.
truffe-online

Truffe online: la nuova frontiera è la fasulla vendita di barboncini

La nuova frontiera delle truffe online passa dal mondo degli animali (e dei futuri pet owners) e consiste in una fasulla vendita di barboncini toy, una razza di cane molto di moda e pertanto parecchio ambiti in questo periodo.
alcol

Alcol etilico, perché è così pericoloso per cani e gatti?

L’alcol etilico lo troviamo in numerose bevande (vino, birra, grappa, ecc.), come conservante in alcuni alimenti ed è anche utilizzato come disinfettante di ferite superficiale o di ambienti. E’ a tutti noto che l’assunzione di alcol ha effetti sul sistema nervoso provocando alterazioni del comportamento che vanno dalla semplice ebbrezza all’ubriachezza.
gatti-e-donne-gravidanza

Contatto tra gatti e donne in gravidanza: ci sono veramente pericoli?

È molto diffusa l’opinione che le donne in gravidanza debbono evitare il contatto con i gatti a causa del pericolo della toxoplasmosi. Quest'ultima è una malattia provocata dal parassita Toxoplasma gondii ed è una zoonosi in quanto può colpire sia gli animali, sia l’uomo.
benessere-del-gatto

Benessere del gatto? ecco alcuni consigli da seguire!

Affinché il gatto che ospitiamo nelle nostre case si trovi in buone condizioni di salute e benessere, bisogna assicurare la possibilità di mantenere quanto più i loro comportamenti naturali (quelli ancestrali, strutturati dall'evoluzione biologica darwiniana anche prima che la specie gatto incontrasse e si associasse alla specie umana) quali lo “stretching”, il masticare, l’eliminazione di feci e urine.
brexit e animali domestici

Brexit e animali: può colpire anche gli animali da compagnia?

Con il termine Brexit si indica l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Come è noto il Regolamento dell’Unione Europea 576 del 2013, impone che gli animali da compagnia (in particolare cani, gatti e furetti) debbano essere identificati e identificabili mediante tatuaggio (quelli più vecchi) o mediante microchip. 
x CHIUDI MESSAGGIO PUBBLICITARIO
x CHIUDI MESSAGGIO PUBBLICITARIO