Il lockdown ha rafforzato il legame cane proprietario: parla uno studio

Se il lockdown ha permesso ai cani di vivere a pieno la compagnia di tutta la famiglia, ha però imposto loro alcune limitazioni, tra tutte l’impossibilità di effettuare lunghe passeggiate nel verde. I cani, infatti, amano la routine e uscire per una passeggiata è l’attività da loro preferita, subito dopo le coccole!

0
legame-cane-proprietario

Per il cane, il periodo del lockdown è stato un’occasione per rafforzare il legame cane-proprietario e nutrirsi in maniera più attenta e naturale, complice l’esigenza dei proprietari di adottare uno stile di vita più attento alla salute, proprio per tutti i membri della famiglia.

È quanto emerge dai risultati di una ricerca commissionata da Country Farms, brand di cibo per cani di qualità preparato con ingredienti naturali.

Più della metà degli intervistati (56%) ritiene che il proprio cane, nei mesi trascorsi, abbia capito che qualcosa di diverso stava succedendo in famiglia, e abbia finito con l’apprezzare la maggior presenza dei componenti in casa (81%).

Pare proprio che i nostri amici a quattro zampe non vedano l’ora che il proprietario lavori stabilmente a casa, per averlo sempre con sé (dichiara il 62% degli intervistati).

Molti cani hanno sofferto la quarantena

E se il lockdown ha permesso al cane di vivere a pieno la compagnia di tutta la famiglia, ha però imposto alcune limitazioni, tra tutte l’impossibilità di effettuare lunghe passeggiate nel verde.

Gli animali, infatti, amano la routine e uscire per una passeggiata è l’attività da loro preferita (88%), subito dopo le coccole (che ha raggiunto complessivamente il 92%) e il mangiare (90%).

Il 46% degli intervistati accompagna il proprio cane tutti i giorni al parchetto vicino casa, mentre il 19% è disposto a spostarsi per portarlo in parchi più grandi.

I proprietari concordano che trascorrere del tempo in un ambiente naturale può avere importanti risvolti positivi sul benessere del proprio animale: secondo il 70% a trarne beneficio è il benessere mentale del cane, che si mostra più sereno, mentre il 63% la considera una buona abitudine sportiva.

Una corretta alimentazione per il benessere psico-fisico dei nostri cani

Se trascorrere del tempo in spazi verdi è indicato come un’abitudine salutare, anche il tema dell’alimentazione è molto importante: il 60% dei proprietari la ritiene fondamentale per la forma fisica del cane e il 58% la reputa, invece, un fattore cruciale nella prevenzione di disturbi e patologie, in particolare per i cani di taglia grande e per quelli adulti o giovani.

Non meno importante il risvolto “psicologico”: avere una buona pappa nella ciotola è sinonimo di felicità (51%), di benessere mentale (50%) e aiuta anche a mantenere un buon rapporto con il proprietario (48%).

La ricerca è stata condotta da AstraRicerche a novembre 2020 su un campione di 1.009 individui che vivono in Italia con almeno un cane in casa.