Il coniglio e il colpo di calore: ecco cinque cose da sapere

Vogliamo affrontare oggi un problema molto frequente nel periodo estivo che può riguardare tutti gli animali da compagnia, senza distinzione di specie, di razza, di età o di sesso, anche se nel nostro caso ne parleremo in riferimento al coniglio ma tutto quello che diremo vale anche per i roditori.

A cura di: Dott. Cristiano Papeschi

4. Come comportarsi per prevenire il colpo di calore?

In linea di massima la regola generale è una sola: proteggere l’animale dalle temperature elevate.

Entrando più nel particolare bisogna evitare di lasciarlo in macchina da solo, anche per pochi minuti, farlo viaggiare (quando necessario) in un abitacolo fresco facendo comunque attenzione agli sbalzi di temperatura (ci vuole un attimo a passare dai 35°C esterni all’autoveicolo ai 20°C dell’aria condizionata e viceversa, con conseguenze gravissime… quindi “gradualità”!), non tenerlo in terrazzo o in giardino in assenza di luoghi riparati in ombra o senza la possibilità di rientrare all’interno dell’abitazione; in casa, diamogli accesso alla stanze più fresche, utilizziamo ventilatori, condizionatori (sempre con attenzione e preferendo la modalità “deumidificatore”!), lasciamo a disposizione sul pavimento bottiglie piene di acqua fredda o tappetini refrigerati.