Il coniglio e il colpo di calore: ecco cinque cose da sapere

Vogliamo affrontare oggi un problema molto frequente nel periodo estivo che può riguardare tutti gli animali da compagnia, senza distinzione di specie, di razza, di età o di sesso, anche se nel nostro caso ne parleremo in riferimento al coniglio ma tutto quello che diremo vale anche per i roditori.

A cura di: Dott. Cristiano Papeschi

colpo di calore coniglio

Avrai sicuramente sentito parlare che il “colpo di calore” può riguardare anche il coniglio ma sei sicuro di sapere di cosa si tratti? Te lo spiego in maniera semplice: il colpo di calore è una condizione per la quale la temperatura corporea sale improvvisamente oltre i valori fisiologici.

È una situazione completamente diversa dalla febbre perché, nel caso dell’oggetto di questo breve articolo, si tratta di un’ipertermia legata alle condizioni ambientali (elevata temperatura e umidità) e all’impossibilità dell’organismo dell’animale di farvi fronte.

Il coniglio non sopporta bene il caldo perché è un animale da pelliccia e dispone di meccanismi di termoregolazione che, oltre una certa soglia, non sono più così efficaci.

Siccome non suda, quando le temperature salgono sopra i 26-27°C il pet cerca di disperdere calore trovando riparo in un luogo fresco, attraverso la dilatazione dei vasi sanguigni auricolari e sdraiandosi sul pavimento in modo da aumentare quanto più possibile la superficie corporea.

In natura, quando le temperature non sono più sopportabili, gli animali cercano riparo all’ombra, in mezzo alla vegetazione o, nel caso di quelli che realizzano tane come il coniglio, sottoterra… ma ciò non è sempre possibile in cattività!

Andiamo a vedere insieme cinque cose da sapere sul colpo di calore e il coniglio.

1. Quando avviene il colpo di calore?

Il colpo di calore si verifica quando, con la salita della colonnina di mercurio e magari con l’aumentare dell’umidità, l’animale non è più in grado, attraverso i meccanismi di termoregolazione, di mantenere la propria temperatura corporea entro limiti fisiologicamente accettabili.

In estate la temperatura supera tranquillamente i 35°C e in alcuni luoghi può arrivare a oltrepassare i 40°C. Cosa fare in questi casi? lo vedremo tra poco.