I consigli per nutrire gli uccelli del giardino in inverno.

Quando il freddo arriva minaccioso, diventa importante (talvolta vitale) il nostro aiuto per fornire mangiatoie e alimenti agli uccelli del nostro giardino.

0
nutrire gli uccelli

Quando il freddo arriva minaccioso, diventa importante – talvolta vitale – il nostro aiuto per fornire mangiatoie e alimenti per nutrire gli uccelli del nostro giardino.

La prima regola da evidenziare è ricordarsi che se cominciamo a fornire alimenti nel periodo invernale dobbiamo avere la costanza di proseguire senza mai smettere, specialmente in presenza di forti abbassamenti delle temperature o di coperture nevose abbondanti che sono le principali cause di mortalità invernale nei piccoli passeriformi.

Tenere una mangiatoia regala sempre grandi emozioni e gratificazioni ma dobbiamo anche comprendere che in base al cibo che forniamo possiamo attirare specie anche molto diverse fra loro, talvolta in totale sovrapposizione (senza peraltro generare problemi di convivenza).cibo uccellini

Inoltre, questa voglia di aiutare gli uccelli può essere anche trasformata in un vero progetto di educazione per i bambini, che possono giocare con i semi divertendosi a mescolare le granaglie e inventando la propria ricetta, come in un masterchef per pennuti.

Nondimeno dobbiamo ricordarci che il grande freddo induce molte specie di uccelli a variare la propria dieta.

Ecco, quindi, che alcuni insettivori possono diventare più onnivori risultando anche loro potenziali clienti del nostro “autogrill” per volatili che posizioneremo in giardino.

I semi sono sempre molto graditi e in base alla loro dimensione possono attirare specie differenti.

Quelli di girasole, molto grassi e apprezzatissimi, attirano cinciallegre, picchi muratori, verdoni, fringuelli e persino i frosoni.

I semi più piccoli (canapa, mais tritato e miglio) sono più graditi alla cinciarella, ai cardellini e persino alle tortore.

Leggi anche
Le tortore: sia uccelli ornamentali che animali da compagnia

Possiamo anche fornire la frutta e, naturalmente, le arachidi che così ricche di grasso faranno la felicità in particolare delle cince che amano nutrirsene persino sgusciandole.

La frutta fresca è più delicata poiché in inverno ghiaccia e diventa meno accessibile ma è gradita a merli, storni e tordi.

Infine, molto apprezzato può essere il cocco e il grasso animale e in questo caso oltre a picchi muratori, cince e storni, potrebbero giungere persino i picchi rossi maggiori e talvolta quelli verdi.

Molto adatte e ricercate sono anche le cosiddette “palle di grasso”, alimenti altamente energetici che risultano perfetti per l’avifauna selvatica.

Quello che dobbiamo evitare è di posizionare nelle mangiatoie altri alimenti, magari avanzati come pasta, carni cotte, cioccolato o dolci poiché sono inadatti alla corretta digestione degli uccelli.

A questo punto trasformatevi in chef, comprate semi, costruite mangiatoie… ma sopratutto non tradite i nostri amici pennuti che contano su di voi!

FONTE: RIVISTANATURA.COM