Aggressività verso cani non familiari, come si scatena?

L’aggressività verso cani non familiari è più frequente rispetto alle altre forme di aggressività e le situazioni più tipiche in cui si presenta sono quando il cane è al guinzaglio in passeggiata con il pet owner. Quali consigli dare ai proprietari?

A cura di: Dott. Riccardo Benedetti

aggressività dei cani

Questa forma d’aggressività dei cani è sicuramente più frequente rispetto a quella tra cani che vivono nello stesso ambiente e per lo più riguarda soggetti di sesso maschile, interi e che non si conoscono (in questo caso è chiamata aggressività tra maschi). Tuttavia può presentarsi anche tra cani di sesso femminile e/o tra maschi e femmine.

Quali sono le cause?

L’aggressività tra cani non familiari potrebbe essere motivata da diversi fattori sia di tipo offensivo come ad esempio a causa dello status, della competizione, della territorialità (per lo più tra maschi e con inizio in età giovanile) sia di tipo difensivo, con la possibilità di insorgere in qualsiasi età e di presentarsi in ogni combinazione tra i sessi, come ad esempio a causa della paura, per la distanza o per l’irritazione.

Quando si verifica? Ecco qualche esempio

cane

Questa forma d’aggressività si verifica spesso in seguito all’intervento del proprietario che con l’intento di evitare uno scontro tra i cani involontariamente, essendosi intromesso in un rituale di posture e segnali, innesca l’aggressione.

Le situazioni più tipiche in cui il comportamento problematico si presenta sono ad esempio quando il cane è al guinzaglio in passeggiata con il suo padrone e/o quando è presente un motivo per competere come nel caso della presenza di un alimento e/o di un gioco trovato durante l’uscita.

Cosa fare?

Ovviamente sarà indispensabile emettere una corretta diagnosi prima di intervenire con una appropriata terapia e modificazione comportamentale.

In generale la sterilizzazione fatta in età giovanile e la socializzazione sono due aspetti molto importanti al fine di prevenire l’aggressività in oggetto.

In particolar modo sembrerebbe essere d’aiuto la castrazione dei cani maschi e soprattutto se adolescenti in quanto, come indicato da diversi studi in oggetto, potrebbe portare ad una riduzione di circa il 50% la tendenza ad esibire comportamenti aggressivi verso cani che non vivono nello stesso ambiente e giustificando pertanto la relazione esistente tra gli ormoni sessuali maschili e l’aumento del comportamento aggressivo.

Sterilizzazione farmacologica, una valida alternativa alla chirurgica

La sterilizzazione può essere effettuata chirurgicamente oppure farmacologicamente; entrambe vengono eseguite esclusivamente dal medico veterinario.

cane 1

La prima via è definitiva. La seconda è reversibile e consiste semplicemente nell’applicazione di un impianto sottocutaneo, a lento rilascio, contenente una sostanza che si chiama deslorelina.

La procedura non causa stress né sofferenza all’animale e la sua durata stimata è di almeno 6 mesi.

Allo scadere dell’effetto si deciderà se re-inoculare un altro impianto, fare svanire del tutto il suo effetto o procedere con la definitiva sterilizzazione chirurgica.

Tali benefici invece non sono stati riscontrati con la sterilizzazione di cani di sesso femminile.

Infine è importante non dimenticare che così come in molte altre forme d’aggressività, anche in questo caso, un ruolo determinante è dato dall’apprendimento (condizionamento) sul quale pertanto sarà sempre necessario intervenire attraverso l’utilizzo di tecniche di modificazione comportamentale adeguate alla circostanza.

Il mio cane è aggressivo con altri cani, perché?