Valore nutritivo degli alimenti: 5 regole da ricordare

Di fronte a un alimento preconfezionato, ci si pone molte domande riguardo il contenuto, se gli ingredienti siano sicuri ed efficaci rispetto alle immagini e lo slogan pubblicitario e quali garanzie sono fornite al proprietario.

valore nutritivo degli alimenti

Per valutare l’adeguatezza nutrizionale e la sicurezza degli alimenti, le industrie serie utilizzano vari sistemi: esame della composizione chimica, appetibilità, digeribilità e controllo del loro effetto sullo stato sanitario, l’assenza di sostanze tossiche.

Questi metodi presi singolarmente danno delle indicazioni parziali.

In primis, è fondamentale considerare il contenuto nutrizionale e la biodisponibilità ovvero la frazione alimentare realmente disponibile per la nutrizione, gli effetti sulla funzionalità gastrointestinale (feci piccole e poco odorose), la densità calorica e gli effetti a lungo termine sul benessere animale.

L’appetibilità non fornisce alcuna indicazione sul valore nutritivo.

Tra i tanti alimenti offerti, è necessario individuare quello corretto per il nostro cane o gatto facendo attenzione all’etichetta per accertare le componenti reali dell’alimento.

Per valutare il valore nutritivo degli alimenti, è molto importante (saper) leggere l’etichetta del prodotto che andiamo a comprare. Vediamo insieme cinque regole da ricordare:

  1. Un buon alimento può essere paragonato a una squadra vincente in cui le diverse caratteristiche dei giocatori si compensano a vicenda. Le scelte alimentari sono fondamentali per il benessere dei propri animali.
  2. Le conoscenze tecniche e scientifiche nel settore dell’alimentazione destinata agli animali domestici ha visto un grande progresso negli ultimi anni: vi sono studi sull’alimentazione in corso di molte patologie e la dimostrazione scientifica della possibilità di prevenirle o di coadiuvarne la terapia.
  3. Gli errori alimentari infatti hanno effetti dannosi, ma spesso talmente diluiti nel tempo da passare inosservati.
  4. È necessario applicare con saggezza le conoscenze che oggi la scienza ci mette a disposizione e rimanere aggiornati in quanto essa è dinamica e non arroccata su dogmi immutabili.
  5. Comunicare con il proprio medico veterinario di fiducia per stabilire il programma alimentare più adatto al proprio animale. E’ importante rispettare i fabbisogni e le esigenze nutritive degli animali.