Convivenza (serena) tra cane e cavia: ecco qualche consiglio

La convivenza tra cani e roditori domestici è possibile anche se questi animali sono prede nell’ambiente naturale. Pertanto, affinché la convivenza sia serena, è importante che il cane impari a conoscere il nuovo amico e il roditore si senta al sicuro.

A cura di: Dott. Kiumars Khadivi-Dinboli

convivenza cane cavia

La convivenza tra il cane e i roditori domestici, come la cavia, è possibile anche se in questo caso occorre tener presente che cavie, conigli, cincillà, cani della prateria, ratti, ecc. sono prede nell’ambiente naturale.

Tuttavia, se il cane appartiene a una razza destinata alla caccia o selezionate per specifiche predazioni, la convivenza tra cane e cavia è quasi impossibile.

Il cane tenderà a rincorrere, prendere e giocare con il roditore e anche un piccolo morso o solo una zampata di un cane di taglia grande può causare gravi lesioni alla piccola preda.

Cavia e roditori tenderanno ad aver paura con il cane

Parlando in generale, tutti i roditori-preda in presenza di un predatore tendono a stressarsi e ad avere paura.

Però, nel caso di cani di indole tranquilla o animali molto giovani la convivenza con roditori è possibile.

Ogni conoscenza reciproca deve avvenire sempre sotto controllo ed in presenza del proprietario, prima attraverso una gabbia a maglie fini e con la possibilità per il roditore di nascondersi in una tana o in un luogo riparato.

Quando il cane avrà conosciuto il nuovo amico e il roditore sarà rassicurato, la convivenza può essere possibile.

Il cane deve sentirsi amato e non messo da parte

Ogni volta che si inserisce un nuovo animale in una famiglia in cui è presente un cane, occorre che quest’ultimo non si senta messo da parte od abbandonato.

Occorre che i padroni abbiano maggiore attenzione verso il cane piuttosto che verso il nuovo pet inserito: il cane deve accoglierlo come membro del branco e non come nemico che gli “sottrae” l’affetto del padrone.

Nel caso si osservino atteggiamenti insoliti è consigliabile rivolgersi ad un medico veterinario comportamentalista.