Riccio africano: il modo migliore per tenerlo in casa e i primi approcci

Il riccio è in genere un animale solitario che non ama dividere la gabbia con altri ricci.

riccio africano

Il riccio africano è un animale timido e dolce e con un po’ di pazienza può essere un pet per chi vuole conoscere animali non convenzionali.

Habitat in sicurezza per il riccio africano

Il riccio è un ottimo arrampicatore e può facilmente scappare da gabbie adatte a conigli o cavie peruviane. Occorre fare attenzione alla distanza tra le maglie della gabbia: devono essere fitte, altrimenti il riccio potrà evadere.

Le dimensioni minime devono essere di 50 X 80 cm di base e 40 cm di altezza. Come dimora si può utilizzare anche un terrario con adeguati fori di aerazione, oppure un box di plastica rigida di minimo 180 litri di capacità.

Temperatura

I ricci africani necessitano di temperature adeguate: temperature basse possono indurre uno stato letargico, mentre temperature troppo alte possono causare stress o torpore.

La temperatura a cui deve essere esposto il riccio in casa deve essere compresa tra i 24 ed i 29°Centigradi occorre fare attenzione che il sole può alzare molto la temperatura in gabbie chiuse non areate.

Il materiale di fondo

Sul fondo della gabbia si può mettere del giornale, del pellettato per roditori, della corteccia atossica (no legno di cedro perché può contenere oli ed essenze che possono causare dermatiti o irritazioni alle vie respiratorie), del tutolo di mais o della paglia, meglio evitare lettiera di sepiolite per gatti perché possono essere polverosi e provocare irritazioni alle vie respiratorie.

Il materiale di fondo deve essere cambiato frequentemente perché i ricci sono molto suscettibili alle contaminazioni da feci ed urine, che possono causare dermatiti.

Accessori

Nella gabbia devono essere presenti anche diversi accessori:

  • una ciotola per l’acqua (meglio se aperta, il riccio non ama bere dai beverini a goccia);
  • una ciotola per il cibo (meglio se fatta di materiale pesante, ad esempio ceramica, per evitare che il riccio possa rovesciarla);
  • un nido dove l’animale possa dormire e nascondersi (una casetta rovesciata di plastica dura o legno);
  • una cassettina per i bisogni (i ricci imparano a sporcare nello stesso posto come i gatti, basta mettere nella gabbia una cassettina).

Riccio africano: solo o in compagnia?

Il riccio è in genere un animale solitario che non ama dividere la gabbia con altri ricci. Se si decide di allevare questi animali, allora si possono tenere insieme maschio e femmina, ma il riccio in genere può stare anche da solo e litiga con altri ricci.