Il lutto delle madri e il dolore per la perdita del proprio cucciolo

Le prime ricerche in merito al lutto nel mondo animale sono partite dal riconoscimento da parte delle madri dei propri piccoli deceduti.

lutto delle madri

Le prime ricerche in merito al lutto nel mondo animale sono partite dal riconoscimento da parte del lutto delle madri per i propri piccoli deceduti.

Nei mammiferi terrestri e marini sono, infatti, ampiamente riportate delle interazioni tra madri e piccoli privi di vita.

I racconti a questo riguardo sono sicuramente molto toccanti nonostante ancora non si capisca totalmente il loro significato.

Queste descrizioni generalmente vanno dallo stare vicino al corpo fino al trasporto del piccolo deceduto.

Tra gli animali che rimangono vicini ai piccoli ricordiamo le giraffe, gli elefanti e i lemuri. Per esempio, nel caso delle giraffe, (Giraffa camelopardalis rothschildii e G. c. thornicrofti) le madri annusano e ispezionano in dettaglio il corpo del piccolo.

Invece, gli elefanti africani (Loxodonta afrincana) sono noti poiché mostrano evidenti segni di stress quando si trovano vicini al corpo di un piccolo elefante deceduto e rimangono a lungo in prossimità.

I lemuri dalla coda ad anelli (Lemur catta) iniziano a muoversi su e giù vicino al corpo del piccolo deceduto.

Nel caso dei Primati è più frequente il trasporto.

Gli scimpanzé sono stati osservati in condizioni di cattività nel trasporto dei piccolo, generalmente tra collo e spalle, e addirittura nel grooming (pulizia del mantello o della pelle effettuata da molti mammiferi sul proprio corpo o su quello di un individuo della stessa specie) nei confronti dello stesso soggetto.

Il babbuino gelada (Theropithecus gelada) invece trasporta i piccoli deceduti generalmente tenendoli nella bocca.

In alcuni casi i piccoli vengono trasportati per un tempo così lungo che i corpi possono arrivare alla mummificazione.

Anche tra i canidi esistono alcune pubblicazioni a riguardo del lutto delle madri e in particolare una ricerca riporta un singolare episodio dei dingo (Canis dingo) osservati mentre portano un cucciolo nella zona di riposo nonostante fosse deceduto.

I lupi adulti arrivavano addirittura alla sepoltura del cucciolo morto (Canis lupus).

I mammiferi acquatici come i delfini e altri odontoceti mostrano dei comportamenti di accudimento nei confronti dei piccoli deceduti.

La madri di tursiopi nonostante il piccolo sia deceduto, continuano a portarlo in giro toccandolo e sollevandolo sulla superficie dell’acqua per più giorni.

I tursiopi (Genus tursiops) non sono i soli. Sono sempre più frequenti gli avvistamenti di beluga (Delphinapterus leucas), ma anche megattere (Megaptera novaeangliae), che in diversi habitat e condizioni mostrano questo particolare comportamento nei confronti dei piccoli.

FONTE: LaSettimanaVeterinaria