Il coniglio è maschio o femmina? Ecco come capirlo

Saper riconoscere il sesso di un coniglio è fondamentale per non incorrere in sorprese… soprattutto se si desidera accoglierne in casa più di uno.

A cura di: Dott. Cristiano Papeschi

il coniglio è maschio o femmina

Il coniglio è maschio o femmina? Così come accade per tutti gli altri mammiferi, anche nel coniglio si può facilmente determinare il sesso semplicemente osservando i genitali.

Facilmente abbiamo detto? Non sempre, in realtà!

Con un po’ di esperienza diventa tutto più semplice ma quando si è alle prime armi, soprattutto per quel che riguarda i coniglietti al momento dell’acquisto o dell’adozione, è facile cadere in errore.

Coniglio giovane, come capire se maschio o femmina?

Nei conigli adulti il dimorfismo sessuale è piuttosto evidente e basta un semplice colpo d’occhio per capire se ci si trovi di fronte a un maschietto o a una femminuccia.

Nei giovanissimi, stiamo parlando dei soggetti di 5-6 settimane, l’impresa non è altrettanto semplice, a meno che non si abbia un po’ di pratica.

Nella maggior parte dei roditori ci si regola osservando la distanza ano-genitale, che nel maschio è all’incirca il doppio rispetto alla femmina, ma nel coniglio (che ricordiamo essere un lagomorfo e non un roditore), nel giovane animale prepubere, questa distanza è molto simile tra i due sessi e pertanto non può essere usata come punto di riferimento.

Inoltre, nel coniglietto al di sotto dei 4 mesi circa, i testicoli non sono ancora scesi e pertanto anche questo dettaglio viene meno.

Cosa si fa in questi casi?

È necessario estroflettere l’organo genitale, un’operazione piuttosto semplice che può essere compiuta esercitando una delicata pressione alla base del pene o della vulva.

Una volta esposto, il pene può facilmente essere riconosciuto perché l’apertura genitale presenta un forellino mentre nella femmina la vulva appare come una piccola fessura.

È importante, al momento dell’acquisto o dell’adozione, magari con l’aiuto del medico veterinario, verificare sempre il sesso del coniglietto, poiché molto spesso accade che quello che avevamo creduto essere un maschio si rivela invece una femmina e viceversa.

Nel coniglio adulto è più facile capire se maschio o femmina

Come abbiamo già anticipato, sessare l’adulto è molto più facile perché dopo i 4 mesi nel maschio scendono i testicoli e al momento dell’estroflessione dei genitali il pene è chiaramente distinguibile da una vulva.

Il canale inguinale del coniglio maschio, a differenza di quanto accade nella maggior parte dei mammiferi, rimane pervio e pertanto è normale che le “palline” risalgano in addome: pertanto non stupiamoci se durante la manipolazione i testicoli scompaiono, sono semplicemente tornati temporaneamente in addome, ma le sacche scrotali rimangono sempre e comunque ben visibili, anche se momentaneamente vuote.

Ricordiamo che nel coniglio maschio lo scroto ha un aspetto ben diverso da quello che siamo soliti osservare nel cane o nel gatto: a livello inguinale si formano due sacche simmetriche e poste lateralmente alla linea mediana addominale e al pene, di forma allungata (per adattarsi a quella dei testicoli) e semi-glabre che compaiono intorno ai quattro mesi di età o poco più.

E se, per caso, nonostante l’avanzare dell’età e il procedere dello sviluppo corporeo i testicoli non fossero ancora scesi e le sacche scrotali non fossero visibili, meglio rivolgersi al veterinario poiché il nostro coniglio potrebbe essere criptorchide (testicoli ritenuti in addome), un problema che dovrà essere risolto al momento opportuno.

Posso fare il bagno al coniglio? Ecco quello che devi sapere