Viaggio in macchina con cane e gatto: cosa c’è da sapere?

Affinché il gatto non subisca uno stress eccessivo durante un viaggio in macchina, è necessario farlo abituare gradualmente al trasportino, lasciandolo in casa sempre a sua disposizione.

0
viaggio in macchina

Il viaggio in macchina, soprattutto per il periodo estivo e per le mete sul territorio nazionale, è ancora la scelta preferita da chi vuole portare con sé il proprio cane o gatto.

Il gatto, in generale, non ama viaggiare e, per minimizzare questo problema, il medico veterinario accorto dovrebbe suggerire al proprietario di abituarlo fin da giovanissimo ad essere trasportato, indipendentemente dalla necessità di vacanza.

In occasione delle ferie bisogna evitare di far fare un lungo viaggio a un felino che non abbia mai conosciuto la macchina, poiché l’esperienza emozionale potrebbe essere estremamente negativa, sia per il pet, sia per chi si muove con lui: ci sono gatti che affrontano il viaggio con “filosofia” e mantengono una certa calma mentre altri, soprattutto quelli che non sono abituati a viaggiare, lo affrontano invece molto male.

Nella migliore delle ipotesi l’animale potrebbe agitarsi per qualche decina di minuti e poi rassegnarsi oppure urlare e miagolare per tutto il tragitto, manifestando anche segni neurovegetativi come scialorrea, midriasi, sudorazione dai polpastrelli, minzioni e defecazioni emozionali.

Come abituare il gatto alla macchina

L’abituazione del gatto alla macchina dovrebbe sempre essere un processo graduale che parte dalla conoscenza e dalla fiducia verso il trasportino: il felino deve imparare a identificarlo come un luogo sicuro.

Il più delle volte è sufficiente lasciare lo sportellino del contenitore aperto in casa in modo che il gatto possa familiarizzare entrandovi, esplorandolo e riposando al suo interno.

Il processo di abituazione può essere favorito dall’utilizzo di una copertina già impregnata dei suoi odori positivi oppure offrendo uno snack come premio.

Durante il viaggio, l’utilizzo dei feromoni è sempre uno stratagemma molto utile per superare il momento stressante.

Il viaggio in macchina con il cane

Il cane andrebbe abituato fin da cucciolo agli spostamenti in macchina, anche solo per brevi tragitti, magari utilizzando un trasportino cui sia stato precedentemente abituato in modo che l’animale, soprattutto se spaventato, possa considerarsi al sicuro e riconoscere il contenitore come un pezzo di casa.

FONTE: LaSettimanaVeterinaria