Gelosia del cane: cosa succede con l’arrivo di un altro pet o di un bebè ?

0
gelosia del cane

La gelosia del cane viene confermata da diversi studi americani. Il cane non solo sarebbe geloso del suo pet-owner, ma metterebbe anche in atto una serie di comportamenti per allontanarlo da un rivale.

Cosa succederebbe quindi introducendo un altro pet?

Come si altererebbero le dinamiche all’interno del sistema familiare?

Prima di introdurre un secondo animale in un sistema familiare, sarebbe opportuno chiedere il parere al medico veterinario comportamentalista.

Lo specialista stabilirà se ci sono le condizioni adeguate per l’arrivo di un secondo pet: tramite la visita valuterà il benessere psico-fisico dell’animale già presente nel nucleo familiare e potrà testare, nel caso lo ritenga opportuno, la reazione del cane nei confronti di un cane finto tecnologico.

Comportamenti inaspettati, scaturiti dalla gelosia per una cattiva gestione delle risorse e per errori d’interazione, potrebbero creare notevoli problemi gestionali che a lungo andare determinerebbero problemi nel sistema familiare.

È importante informare i proprietari su come comportarsi quando convivono con più di un animale: le manifestazioni affettuose vanno sapute dosare con intelligenza e questo è uno tra i compiti più difficili a cui devono sottoporsi i familiari.

Gelosia del cane…e se è in arrivo un bebè?

Argomento ancora più delicato è l’arrivo di un nuovo membro della famiglia. In questo caso, i proprietari dei cani dovranno rivolgersi per tempo al veterinario comportamentalista che valuterà lo stato di benessere psico-fisico dell’animale e aiuterà loro e il cane ad affrontare nel modo migliore questo evento e gestire la possibile gelosia del cane.

Preparare il cane a questo cambiamento è fondamentale per salvaguardare il suo benessere psicologico e per non far commettere ai proprietari errori che potrebbero avere conseguenze anche molto gravi; iniziare il percorso terapeutico dopo la nascita del bambino potrebbe determinare non pochi problemi alla coppia che si trovano già a dover gestire una situazione per loro nuova.

Stabilire la giusta compliance tra terapeuta ed i proprietari del cane, è fondamentale per intraprendere il percorso di preparazione e per ottenere un risultato soddisfacente.