Come imparare a costruire dei giochi utili per i pappagalli?

I giochi e le novità per un pappagallo, se non è abituato, sono fonte di paura o diffidenza e non vengono subito accolti con gioia e curiosità ma anzi evitati.

A cura di: Dott.ssa Elena Ghelfi

giochi utili

In questo articolo impareremo a costruire o cercare i giochi più utili ai nostri amici alati, da lasciare a disposizione ma anche per passare piacevoli momenti in loro compagnia.

Abbiamo visto quanto sia importante stimolare la curiosità e l’apprendimento nei pappagalli per migliorare le loro condizioni di vita, prevenire comportamenti sgraditi e anche gravi alterazioni comportamentali e i giochi hanno un ruolo importante in questo.

I giochi e le novità per un pappagallo, se non è abituato, sono fonte di paura o diffidenza e non vengono subito accolti con gioia e curiosità ma anzi evitati.

Se vengono proposti con tranquillità, rassicurando l’animale, lasciandogli il tempo per studiarli e capire che non sono una minaccia, verranno dapprima studiati, leccati, rivoltati con becco … infine possono essere utilizzati magari in compagnia del compagno umano e poi da solo!

Al contrario un pappagallo ben socializzato e abituato a giocare accetterà il nuovo oggetto con curiosità se non addirittura eccitazione.

Come posizionare i giochi?

I giochi nuovi vanno posizionati in un punto poco frequentato ma ben visibile della gabbia/voliera. Il pappagallo deve poter salire senza timore sul suo abituale trespolo o accedere alle mangiatoie, e se vince il timore o la diffidenza deve essere libero di avvicinare il gioco o allontanarsi.

Non bisogna essere impazienti se il pappagallo non gioca subito col nuovo aggetto, ma se per giorni lo ignora provate a capire cosa c’è che non va: materiale non adatto? Colore? Forma? E provare a modificarlo di conseguenza.

Quali materiali scegliere?

Vanno scelti sempre materiali atossici, meglio materiali naturali come canapa, corda, legno, carta…. Oppure metalli non zincati ovvero acciaio.

Con tutti questi materiali si possono reperire in commercio giochi da appendere alla gabbia, problem solving, giochi da piede.

Si possono anche costruire facilmente a casa con materiali di riciclo o reperiti in natura e creati ad hoc per il proprio animale.

Va capito e accettato che per un pappagallo “giocare” significa “distruggere”, quindi se sono veramente graditi i giochi verranno frantumanti o tritati in tanti pezzi o smontati per trovare i premi.

Giochi con materiali riciclati

Possono essere creati divertenti e stimolanti giochi per pappagalli con del materiale che si può reperire facilmente in casa come cannucce, bicchieri di plastica o carta, confezioni in carta per le uova e altro ancora.

giochi in legno

Con tutti questi materiali si possono creare bacheche sonore o sensoriali, dei piccoli rompicapo in cui nascondere piccoli premi, oggetti colorati da manovrare con becco e zampe.

Tutti questi giochi stimolano la curiosità, la ricerca e la logica, col tempo si possono proporre anche piccoli giochi di logica.

Giochi utili con materiali naturali

Andando in giro per boschi o parchi si possono raccogliere una gran quantità di materiali idonei quali pigne, ghiande, fiori, erbe commestibili (tarassaco, piantaggine, malva), rametti, foglie.

Con le stesse modalità questi materiali possono essere messi a disposizione dei pappagalli o assemblati per stimolarne la curiosità e l’intelligenza.

Alcuni come le pigne possono divenire ottimi supporti per il foraging.

Giochi utili col cibo

Come illustrato nel precedente articolo il foraging è uno dei metodi più utilizzato per l’arricchimento ambientale, per allungare il tempo di consumo del cibo (e quindi riduzione di tempi morti e noia), per proporre col gioco cibi non sempre graditi o nuovi.

Possono essere nascosti in piccoli contenitori o divenire loro stessi involti da scartare e rompere per scoprire altri sapori e consistenze al loro interno come si può vedere nelle foto.

Palestrine

Disponibili in commercio ma anche facili da costruire le palestrine aiutano i nostri pappagalli a fare del movimento, migliorare l’equilibrio e tonificare i muscoli.