Perché avere un’Ara ararauna come pet? Scopriamolo insieme!

Chi deciderà di adottare uno di questi animali deve avere tempo da dedicargli costantemente, ogni singolo giorno: coccole, attenzioni, giochi che stimolino la sua innata curiosità e intelligenza.

0

A cura di: Dott.ssa Elena Ghelfi

ara ararauna

L’Ara ararauna, o ara gialla e blu, è sicuramente il più noto e rappresentativo pappagallo di questo genere.

È abbastanza diffuso come pet grazie al suo aspetto maestoso unito a doti molto apprezzate nei pappagalli da compagnia quali docilità, allegria, grande devozione al proprietario.

Come è fatto?

È un uccello piuttosto grande: 90 cm di lunghezza per – 1,5 kg in media di peso. La sua inconfondibile livrea lo rende facilmente riconoscibile tra gli altri pappagalli: corpo, collo, parte ventrale delle ali e della coda giallo, testa, dorso, parte dorsale delle ali e della coda azzurro vivace– blu.

In natura le colonie di questi superbi pappagalli si distribuiscono prevalentemente nelle foreste pluviali, lungo il corso dei fiumi di Brasile, Bolivia, Paraguay, Equador, Venezuela.

Perchè avere un’Ara ararauna come pet?

Dal temperamento pacifico, intelligente, molto affezionato al proprietario con cui stabilisce un legame molto forte, ha tantissimi estimatori che lo scelgono come compagno di vita.

Interagisce volentieri con i membri della famiglia imparando facilmente parole e giochi anche complicati. In natura gli ara ararauna formano coppie molto affiatate e stabili che allevano e accudiscono i piccoli fino all’involo e continuano a vivere con i giovani fino ai 4 anni interagendo, insegnando a sopravvivere, rafforzando il legame con grooming, richiami con la voce molto potente e udibile a grandi distanze.

Sono sociali e gregari, si riuniscono in piccoli stormi di 20 – 30 soggetti e insieme volano alla ricerca di cibo.

La mancanza di predatori naturali li ha resi più confidenti e socievoli di altri pappagalli.

Necessariamente chi deciderà di adottare uno di questi animali deve avere tempo da dedicargli costantemente, ogni giorno: coccole, attenzioni, giochi che stimolino la sua innata curiosità e intelligenza e soprattutto tengano lontana la noia pena gravi patologie comportamentali quali l’autodeplumazione.

Sono animali molto longevi: la loro aspettativa di vita è 50 – 60 anni.

Dove farlo vivere?

Data la mole l’ara ararauna necessita di ampi spazi dove muoversi, esprimere i comportamenti etologici tipici della sua specie, mantenere in efficienza la muscolatura e accudire lo splendido piumaggio.

I soggetti allevati in coppia per tentarne la riproduzione necessitano di voliere di almeno 12 mt di lunghezza, 3-4 di altezza e 3 di larghezza, in modo che possano compiere almeno qualche piccolo volo, contenere tronchi d’albero, rami con corteccia, rete robusta antifuga.

I pet possono essere ospitati in gabbie di dimensioni ovviamente più ridotte ma deve essere assicurata una vita a stretto contatto con l’uomo, in libertà seppur vigilata (attenzione alle strutture in legno presenti in casa come mobilio o infissi …).

Se ben educati e gestiti imparano a tollerare la pettorina e possono essere portati all’aperto, con attenzione, col guinzaglio.

Anche se molto docili e confidenti non vanno mai portati in ambienti sconosciuti o all’aperto tenendoli semplicemente su una spalla: un rumore improvviso, una situazione ritenuta pericolosa può farli fuggire o reagire mettendoli in pericolo o causando lesioni a animali o umani con le loro beccate potenti.