Viaggiare con il proprio cane o gatto: dove andare e con quale mezzo

Avete deciso di fare un viaggio con il vostro animale domestico? Ecco qualche consiglio per viaggiare con cane o gatto con maggiore tranquillità per lui e per voi.

A cura di: Dott.ssa Irene Cassi

viaggiare cane borsa

Se la risposta alla domanda se fare o meno un viaggio con il vostro animale domestico alla fine è stata sì, ecco ora qualche consiglio per viaggiare con cane o gatto con tranquillità.

Per viaggiare con il proprio pet la prenotazione è obbligatoria

Quando si decide di viaggiare in compagnia del proprio cane o gatto, i viaggi “all’avventura”, cioè senza prenotazione, vanno assolutamente evitati.

Infatti, trovare sul momento una struttura che accolga il pet potrebbe essere problematico.

Se non si è abituati a prenotare, questo potrebbe rivelarsi un vero e proprio problema.

In ogni caso è opportuno ricordare ai proprietari di informarsi se nelle vicinanze della struttura in cui intendono soggiornare c’è un Medico veterinario reperibile, in caso di necessità.

Dove alloggiare con un cane o un gatto?

Per i cani che manifestano aggressività verso gli estranei o altri animali sarebbe meglio evitare i viaggi.

Meglio quindi brevi gite fuori porta, usando le dovute accortezze e seguendo attentamente i consigli del veterinario comportamentalista.

Per soggetti con aggressività verso altri cani, meglio optare per un soggiorno in una casa.

Infatti, in hotel o in un agriturismo il cane potrebbe sfuggire al proprietario ed essere coinvolto in risse con altri cani.

Inoltre, non sarebbe facile per il proprietario andare al ristorante e svolgere qualsiasi attività ricreativa con il cane.

viaggiare cane

Meglio quindi optare per l’affitto di una casa con giardino, cercando di mantenere la stessa routine giornaliera a cui è abituato l’animale.

È inoltre consigliabile applicare un collare a base di feromoni e appena possibile iniziare la terapia rieducativa per affrontare questo problema.

Per un cane ben socializzato l’agriturismo è, sicuramente, l’ambiente ideale per fare una vacanza con il proprietario.

Spesso, all’interno di queste strutture sono presenti non solo tutti i comfort necessari per una “vacanza a sei zampe”, ma vi sono pure educatori che organizzano corsi e attività da poter praticare con il proprio cane.

Le regole da seguire per viaggiare in automobile con cane e gatto

Viaggio in auto con il cane

Se il viaggio è mediamente lungo è consigliabile utilizzare per un cane il kennel, mentre la cintura di sicurezza solo per spostamenti brevi.

Se, però, l’animale è abituato a stare nel kennel anche per brevi tratti, non è consigliabile cambiare le sue abitudini.

kennel per educare il cane auto

All’interno del kennel bisogna porre un materassino su cui preferibilmente spruzzare, 15-20 minuti prima di partire, dei feromoni, così da rendere più gradevole il viaggio.

È necessario fare almeno una sosta ogni ora e far fare al cane una passeggiata di circa dieci minuti.

Durante il viaggio in automobile vanno evitate discussioni che potrebbero agitare l’animale e il conducente.

Per migliorare la qualità del viaggio, è meglio ascoltare musica classica che, secondo alcuni studiosi, nel cane ridurrebbe l’ansia e lo stress, regolarizzandone la frequenza cardiaca.

Sono invece da evitare musiche come rap, metal e musica da discoteca che potrebbero far agitare e abbaiare il cane.

Se il cane ha problemi di cinetosi o mal d’auto è consigliabile una visita preventiva dal Medico veterinario.

Viaggio in auto con il gatto

Simili accorgimenti valgono anche per quanto riguarda i viaggi in automobile con un gatto.

Il gatto dovrebbe essere tenuto all’interno di un trasportino.

viaggiare in auto con il gatto 2

Questo deve essere però considerato dall’animale un ambiente sicuro e non associato ad altre esperienze per lui sgradevoli.

Quindi è meglio che sia diverso da quello usato, ad esempio, per portarlo dal veterinario o in altri luoghi per lui poco piacevoli.

Meglio lasciare il trasportino sempre a sua libera disposizione in casa, in modo che possa utilizzarlo come rifugio dove passare del tempo in tranquillità.

Durante il viaggio è poi consigliabile coprire questo contenitore in modo da isolare il gatto dall’ambiente esterno, possibile fonte di stress.

Anche nel gatto i prodotti a base di feromoni risultano molto utili per rilassare l’animale.

Possono essere spruzzati su una coperta o un cuscino, che verranno poi messi all’interno del trasportino.

Se il gatto soffre di mal d’auto, è importante rivolgersi al proprio medico veterinario di fiducia.

Possibili problemi a viaggiare in treno, in nave e in aereo con il proprio cane o gatto

Non tutti i cani o gatti sono adatti ad affrontare questi tipi di viaggio, dipende molto dal soggetto.

Inoltre, le regole cambiano in base alla taglia dell’animale.

viaggiare cane trasportino

In nave occorre che l’animale sia abituato a indossare la museruola e che non abbia mai manifestato segni di aggressività nei confronti di persone o conspecifici, o particolari fobie.

Tenerlo in cuccetta potrebbe essere risolutivo, ma solo se non è affetto da ansia da separazione.

I viaggi nella stiva di un aereo sarebbero sempre da evitare, perché sono molto disagevoli per l’animale.