Quali sono gli alimenti vietati nella dieta del coniglio?

La somministrazione di alimenti inappropriati o addirittura dannosi possono influire pesantemente sulla salute del coniglio. Vediamo insieme quali sono gli alimenti proibiti...

alimenti vietati nella dieta del coniglio

Prima di sapere quali sono gli alimenti vietati nella dieta del coniglio, è fondamentale sapere che quest’ultimo è un erbivoro stretto e in natura si nutre di erbe fresche o secche: soprattutto graminacee, associate a piantaggine, dente di leone, leguminose, foglie e rami, trifoglio e rovi. Come complemento sgranocchia qualche frutto di bosco, frutto o verdura.

Gli alimenti vietati nella dieta del coniglio

Nell’alimentazione del coniglio da compagnia si devono tassativamente escludere:

  • Il pane e i prodotti da forno in genere;
  • I dolci e le caramelle;
  • Il cioccolato;
  • Barrette di cereali;
  • Misto di semi e di frutta secca;
  • Concentrati di minerali.

La frutta consentita solo come leccornia

I frutti sono delle leccornie e non fanno parte dell’alimentazione quotidiana.
È possibile dare frutta di stagione, una o due volte la settimana, eliminando semi e noccioli che sono generalmente tossici.

Si possono quindi somministrare banane, fragole, mele, pere, albicocche, carote, in base al gradimento del consiglio.

In linea generale, l’alimentazione giornaliera corretta di un consiglio da compagnia deve essere costituita per il 70-80% da fieno (da lasciare a disposizione) e integrata con due porzioni di verdura, per la maggior parte a foglie verde scuro, pari all’8% del peso del coniglio.

Se si somministrano granulati, questi devono essere al massimo una quantità pari al 3% del peso del coniglio. Una o due volte la settimana si può aggiungere un po’ di frutta o qualche leccornia. 

FONTE: LaSettimanaVeterinaria