Pelle e metabolismo felino: alcune interessanti curiosità!

0

A cura di: Dott.ssa Francesca Serena

pelle

I gatti possiedono la pelle piuttosto lassa; ciò permette loro di girarsi e affrontare un predatore o un altro gatto in combattimento.

PARTICOLARITÀ DELLA PELLE

In particolare, la parte posteriore del collo, detta “collottola”ed è la zona in cui la madre afferra i suoi gattini per trasportarli. Di conseguenza, i gatti tendono a rimanere quieti e passivi una volta afferrati là.

Questo comportamento inoltre permane nell’età adulta, quando un maschio afferra la femmina sulla pelle della collottola per immobilizzarla mentre monta e per impedirle di scappare o di rigirarsi per morderlo.

IL METABOLISMO FELINO

I gatti sono molto attenti nell’amministrazione delle proprie energie e le conservano dormendo, essi dormono più della maggior parte degli animali, particolarmente quando iniziano ad invecchiare.

La durata quotidiana del sonno varia solitamente dalle 12-16 ore anche se alcuni gatti possono dormire fino a 20 ore su 24. Tipica è però la capacità del gatto di addormentarsi profondamente per un breve lasso di tempo pur essendo in grado di svegliarsi prontamente ed essere reattivo in un tempo minimo.

A causa della loro natura crepuscolare, i gatti hanno un picco di attività alla sera e di primo mattino, definito da qualcuno ”pazzie serali”,”mattane notturne“ o ”mezz’ora pazza”.

Il temperamento di un gatto può variare secondo la razza e la socializzazione. I gatti orientali tendono ad essere più sottili e più attivi, mentre gatti più cobby tendono ad essere più pesanti e meno attivi.

ALCUNE CURIOSITÀ

  • La temperatura corporea normale di un gatto è fra 38°C e 39°C. Un gatto è considerato febbrile (ipertermico) se ha una temperatura di 39.5°C o maggiore, o ipotermico se meno di 37.5 °C .
  • Il tasso glicemico di un gatto sano deve essere fra 80 – 120 mg/dL (milligrammi per decilitro).
  • La frequenza cardiaca normale del gatto domestico varia da 140 a 220 battiti al minuto e dipende in gran parte da come il gatto è eccitato. Per un gatto a riposo, la frequenza cardiaca media è solitamente fra 150 e 180 bpm, circa due volte quello di un essere umano (in media 80 bpm). I gatti che soffrono di problemi cardiaci (cardiomiopatie) o di malattie quale ipertiroidismo avranno frequenze cardiache aumentate fino a oltre 200 battiti al minuto in alcuni casi.
  • La frequenza respiratoria varia da 16 a 40 respiri al minuto. La frequenza respiratoria normale è valutata quando il gatto è a riposo. Un gatto che ha dolore, problemi cardiaci o problemi respiratori, che ha un colpo di calore, o è sollecitato avrà una frequenza respiratoria aumentata. È importante considerare la situazione e lo stato generale dell’animale per valutare il ritmo respiratorio.