Padda, un piccolo uccellino originario dell’isola di Giava

Originario delle isole di Bali e Giava, il Padda è un piccolo uccellino delle dimensioni paragonabili a un canarino e dalle guance bianche e becco rosa con sfumature rosse sulla punta. Il maschio, solitamente, tende a cantare e esibirsi in piccoli balletti.

A cura di: Dott.ssa Elena Ghelfi

padda 3

Il Padda o fringuello di Giava (Padda o Lonchura oryzivora) è un piccolo Estrilide abbastanza robusto e adattabile. Originario delle isole di Bali e Giava, è stato introdotto dall’uomo anche in altri territori tropicali.

In natura predilige zone boscose in vicinanza di radure o campi coltivati, ma riesce a colonizzare senza troppe difficoltà anche giardini cittadini o terreni montani fino a 1500 m.

Chiamato anche “mangiatore di riso”

Il nome scientifico fa intuire le sue attitudini alimentari e infatti nella lingua dei paesi d’origine è chiamato “campo di grano” o “mangiatore di riso”: effettivamente stormi di questi piccoli passeriformi possono avventarsi sui campi di riso con netto disappunto dei contadini.

Allevare ma con documento CITES

padda 1

I primi allevamenti in cattività risalgono a parecchi decenni fa, in Cina, con successiva meticolosa selezione in Giappone dove sono stati creati ceppi più adattabili e “domestici”.

Attualmente l’allevamento è normato dalla CITES: ciò comporta la necessità di inanellare in modo univoco e inamovibile i nuovi soggetti, l’iscrizione dei riproduttori ad un registro (in allevamenti amatoriali e commerciali), la vendita dei soggetti accompagnata da idoneo documento, la denuncia di nascita entro 10 gg dei pulli. Senza documento CITES è proibita vendita e detenzione.

Padda, carta d’identità!

I Padda hanno dimensioni, le zampe sono di color carnicino.

Esistono però diverse mutazioni di colore: bianchi, mascherati, feo (predomina una colorazione chiara – crema/marrone chiaro), opale, pastello, topazio.

Maschio o femmina?

padda

È possibile con un po’ di esperienza distinguere i soggetti maschi dalle femmine: i maschi presentano sul becco un piccolo rigonfiamento e la punta è di un rosso più intenso, anche l’anello perioftalmico presenta una colorazione rossa più marcata e sono sensibilmente più massicci delle femmine.

Alle caratteristiche fisiche vanno associate anche quelle comportamentali: un maschio di Padda tende a mettersi in mostra cantando ed esibendosi in piccoli balletti sui posatoi.

Convivenza tra i Padda

I Padda sono poco litigiosi ma non è consigliabile farli convivere con altri Estrilidi più piccoli, il becco robusto potrebbe infliggere gravi ferite ai contendenti.

È possibile comunque creare voliere con alcune coppie, ma con attenzione e con alcuni accorgimenti.

Occorre prima di tutto spazio (per permettere la fuga ai soggetti più deboli e per non esasperare la difesa del territorio), alimentazione corretta accessibile a tutti, formazione di coppie stabili.

Usignolo del Giappone, un uccellino dal canto melodioso