Litoria: qual è l’habitat ideale per la raganella verde australiana?

La Litoria in casa ha bisogno di uno spazio abbastanza grande, visto le dimensioni ragguardevoli che raggiunge e la vita notturna movimentata.

A cura di: Dott. Kiumars Khadivi-Dinboli

litoria

L’habitat ideale per una Litoria cerulea (o raganella verde australiana) è un terrario o un terracquario, ben aerato (questi anfibi non sopportano l’aria stagnante) e con internamente un ecosistema che permetta un’umidità relativa molto elevata (70-90 %).

Il modo migliore per mantenere un tasso di umidità alto è nebulizzare il terrario più volte al giorno, oppure inserire dei getti nebulizzatori temporizzati che creino un ambiente umido più volte al giorno.

L’acqua da utilizzare all’interno del terrario degli anfibi deve essere sempre senza cloro: non va bene utilizzare l’acqua distillata.

In una parte del terrario dovrà essere presente una ciotola di acqua per permettere alle rane di abbeverarsi ed immergersi, da cambiare regolarmente. Per le piccole rane meglio che il livello dell’acqua sia molto basso o con varie rocce immerse per evitare l’annegamento.

Come substrato nel terrario si può utilizzare dell’erba sintetica o della carta casa inumidita, sono facili da pulire. Corteccia, terra o torba vanno prima disinfettate e cambiate spesso. Se si utilizza terra o torba sul fondo del terrario si può mettere dell’argilla espansa, per aerare la superficie.

Per la Litoria si può costruire anche un paludario, cioè di una vasca di vetro più alta che larga il cui fondo sia interamente coperto d’acqua non molto profonda, al di sopra di essa saranno posti molti rami e piante; le piante devono essere resistenti, vista la mole degli animali, possono andare bene: Photos, Phylodendron, Sanseveria e Yucca.

Come substrato nel paludario si può tenere corteccia, terra o torba precedentemente disinfettata, da cambiare frequentemente, l’elevata temperatura ed umidità sono fonte di proliferazione batterica e fungina.

Come arredamento, potranno essere presenti cortecce di sughero, sassi , legni per arrampicarsi, purché privi di spigoli taglienti ed acuminati , che serviranno come nascondiglio all’animale. Attenzione a fissare tutto bene nella teca, le Litorie, sembrano pacifiche e sonnacchiose di giorno, ma di notte si scatenano nel vero senso della parola.

Quali sono le dimensioni del terrario per la Litoria?

Le dimensioni dell’habitat devono tener conto della crescita di questi animali, che in circa un anno raggiungeranno dimensioni adulte.

In uno stesso terrario possono essere tenuti più animali, in genere questa specie non è aggressiva verso i suoi simili, a patto che siano delle stesse dimensioni.

Per una o due Litoria adulte è necessario avere una teca di 80 x 50 cm alta 60 cm (circa 120 litri di volume). Attenzione a non mettere esemplari di dimensioni diverse insieme, potrebbero verificarsi aggressioni da parte degli individui più grandi verso i più piccoli.

…e l’illuminazione?

Le Litoria necessitano di un’illuminazione adeguata, con un neon UVB emittente per fissare il calcio osseo e per permettere all’anfibio una crescita regolare.

Inoltre se si utilizzano piante vere sarà necessario avere un’adeguata illuminazione per permettere la fotosintesi.

Salutare per piante ed animali sarebbe beneficiare della luce solare diretta attraverso una finestra, attenzione però che la temperatura non sia troppo elevata, provocherebbe danni o addirittura la morte delle rane. L’illuminazione diurna dovrà essere di circa 12 ore.

Attenzione alla temperatura: la Litoria è un animale a sangue freddo!

Le Litorie sono animali a sangue freddo, dovrà essere quindi nostra cura mantenere nel terrario una temperatura adeguata.

La temperatura ideale da mantenere è di 27-29°C durante il giorno e di 22-24°C durante la notte. Nel terrario dovrà sempre essere presente un termometro per regolare la temperatura, meglio ancora se un termostato automatico.

La temperatura ideale si potrà ottenere mediante lampade infrarosse o di ceramica poste al di fuori del terrario per le ore notturne, mentre si potranno utilizzare spot riscaldanti, piastre e cavetti sempre esterni, per la temperatura diurna.

Attenzione che la temperatura del fondo non superi mai i 29-30°C.