Il pappagallo e il foraging: cos’è e perché è utile per l’animale?

Il concetto di base per il foraging è nascondere il cibo e lasciare che il pappagallo lo trovi e se lo mangi.

A cura di: Dott.ssa Elena Ghelfi

foraging

Foraging è una parola inglese che significa “andare alla ricerca di cibo”: nel loro ambiente i pappagalli passano molto tempo nella ricerca del cibo, esplorando, assaggiando, rovistando, utilizzando becco e zampe, infine pulendo e sminuzzando il cibo.

Mediante il foraging si può fornire il cibo necessario per la giornata rendendo meno monotono il rito dell’alimentazione, creando diversivi o piccoli problemi che mettono alla prova l’animale, lo stimolano a trovare soluzioni, lo divertono e lo incuriosiscono.

Ovviamente la ricerca del cibo deve iniziare per gradi e non deve essere troppo macchinosa altrimenti il pappagallo si scoraggia e non si ottiene alcun risultato positivo.

Il concetto di base per il foraging è nascondere il cibo e lasciare che il pappagallo lo trovi e se lo mangi.

Per metterlo in pratica la fantasia non ha limiti: si possono usare giochi già predisposti a questo scopo (tipo i distributori di crocchette per gatti), oppure si possono costruire o modificare alcuni giochi adatti allo scopo.

Piccoli pezzi di frutta, semi o estrusi possono essere nascosti sotto la paglia (sopratutto per i pappagalli che in natura prediligono cercare il cibo sul terreno), oppure in cartocci di carta, in piccoli contenitori costituiti da materiali naturali e non tossici.

Il pappagallo imparerà dapprima a muoversi nella gabbia attivamente per cercare il cibo in luoghi non usuali (non la solita ciotola), poi si ingegnerà ad aprire e rovistare, infine potrà risolvere piccoli rompicapo creati da noi stessi e costruiti appositamente per il pappagallo.

Il pappagallo durante il lavoro cognitivo e mentale deve essere seguito e incoraggiato, se non riesce dopo qualche minuto a risolvere il rompicapo va guidato, dando prima degli indizi, poi mostrando il corretto modo di apertura del nascondiglio, man mano che l’animale diventa sicuro di sé può essere lasciato solo con i suoi giochi ma sempre premiato e lodato quando riesce nell’impresa.

CONDIVIDI