DERMATITE SOLARE

    0

    Definizione

    Anche denominata dermatite attinica, consiste in una dermatite fototossica, legata cioè ai danni determinati dalle radiazioni ultraviolette (raggi UV).

    Nel cane e nel gatto si tratta di una patologia di non frequente riscontro a motivo della normale protezione rappresentata dal pelo e dalla pigmetazione della cute.

    Eziopatogenesi

    A fronte di aree cutanee fisiologicamente depigmentate e poco ricoperte di peli (razze predisposte) oppure, più raramente, di quadri di alopecia e depigmentazione ai raggi solari può determinare ripercussioni a carico dei cheratinociti (apoptosi) e dell’endotelio vasale (vasculopatia solare), nonché liberazione di citochine infiammatorie, sostanze vasoattive e radicali liberi.

    Nei casi più gravi si può arrivare fino a mutazioni a carico del DNA con formazione di cloni di cheratinociti anomali, che, proliferando in maniera esuberante, possono indurre una condizione di iperplasia-displasia (cheratosi attinica) o peggio di neoplasia (carcinoma squamoso).

    Nel cane le aree più colpite sono quelle normalmente fotoesposte, quali il naso in particolare quando questa parte risulta depigmentata (dermatite solare del naso), oppure quelle esposte per tempi prolungati ai raggi UV (parte ventrolaterale dell’addome e a volte anche del torace) in soggetti che hanno l’abitudine di rimanere a lungo sdraiati al sole (dermatite solare del tronco).

    Nel gatto la condizione è tipica dei soggetti a mantello bianco o pezzato bianco (dermatite solare felina), dove le aree cutanee più colpite sono rappresentate da naso, palpebre, parte apicale dei padiglioni auricolari e labbra.