Furetto: personalità e caratteristiche curiose del mustelide di casa

Osservare un furetto mentre si muove in casa è un’esperienza divertente, spesso esilarante, soprattutto quando gioca e saltella, danzando di qua e di la, oppure quando cerca di raggiungere oggetti nascosti e si intestardisce per prenderli.

0

A cura di: Dott. Kiumars Khadivi-Dinboli

furetto-personalità

Ogni singolo furetto ha una personalità e una psicologia che varia tanto quanto quella degli esseri umani. Sebbene si possono dare indicazioni generali sul suo comportamento, ogni individuo – maschio o femmina, giovane o adulto – potrà esprimersi soggettivamente in modo differente apparendo come un’eccezione.

Il comportamento del furetto può essere descritto come una via di mezzo tra un cane e un gatto: è affettuoso e bisognoso di coccole, ma all’occorrenza sa essere indipendente e spavaldo.

Indole giocosa, curiosa e vivace

Per tutta la vita questo mustelide mostra un’indole giocosa, curiosa e vivace, quasi fosse un eterno cucciolone. Animale dotato di grande curiosità, tende a investigare qualunque nuovo stimolo gli venga sottoposto.

Osservare un furetto mentre si muove in casa è un’esperienza divertente, spesso esilarante, soprattutto quando gioca e saltella, danzando di qua e di la, oppure quando cerca di raggiungere oggetti nascosti e si intestardisce per prenderli.

Il furetto è attratto da qualunque cosa assomigli a un tunnel o a un buco.

Se educato può capire e accorrere al suo nome, giocare con la palla e uscire al guinzaglio e, nella maggior parte dei casi, può imparare a usare la cassetta igienica per i bisogni.

Meglio tenere insieme due o più furetti

I furetti sono animali sociali, che però possono adattarsi a una vita da “single” se convivono con altre specie animali o beneficiano, per molte ore al giorno, di un compagno umano.

Per evitare che i soggetti soffrano di solitudine è consigliato tenere insieme due o più furetti. I furetti amano stare in gruppo e osservare le dinamiche della socializzazione è molto interessante.

Quando in un branco si introduce un nuovo soggetto occorre monitorare sempre un nuovo inserimento perché può succedere, soprattutto se si tratta di maschi, che i furetti litighino con “l’intruso”; anche nelle femmine sono segnalati episodi di violenza per imporsi sulle new entry. Un inserimento va fatto con calma e pazienza, supervisionando in ogni momento.

Un furetto che prende per la collottola un altro furetto è in genere un segnale di dominanza, spesso il maschio prende per la collottola la femmina e la trascina nella tana per accoppiarsi. Questo atteggiamento può essere presente anche nei soggetti sterilizzati di entrambi i sessi.

Un furetto che lecca le orecchie o in generale il compagno è in genere per stabilire un’unione nel clan famigliare.

Maschio e femmina?

In generale il carattere è un dato soggettivo. In genere si può affermare che il furetto maschio ha una personalità più vivace, giocherellona e coccolona, mentre la femmina, a causa della funzione sociale, è più tranquilla e indipendente.