Eliminazioni inappropriate o “cane che sporca”: cinque cose da sapere!

Il medico veterinario che intende occuparsi del problema effettua un esame approfondito delle strutture urinarie e dell’apparato digerente, per escludere eventuali patologie causa del problema.

0
eliminazioni inappropriate

Possedere un cane che ha eliminazioni inappropriate, ovvero il cosiddetto “cane che sporca”, è una situazione molto più frequente di quanto si creda.

Per il proprietario, un animale discutibile in termini di pulizia rappresenta un insuccesso che può portare ad alterare la relazione proprietario-cane fino a uno scadimento generale delle condizioni di vita del soggetto.

La vergogna di non essere riusciti a educare il proprio cane non è facile da esprimere da parte del proprietario che deve sentirsi rassicurato da una figura professionale in grado di intuire il disagio e fornire gli insegnamenti indispensabili per poter prendersi correttamente cura del proprio animale.

Vediamo insieme le cinque regole da ricordare:

  1. La gestione dei casi di eliminazioni inappropriate richiedono un intervento immediato attraverso l’aiuto del medico veterinario che ha le competenze per capire se all’origine del problema vi sono cause organiche o comportamentali, focalizzando l’attenzione sulle condizioni di vita del soggetto e sul disagio del proprietario che ha manifestato la volontà di essere aiutato.
  2. Nella maggior parte dei casi si tratta di disturbi legati a una cattiva educazione: si sarebbero potuti evitare con consigli semplici e giudiziosi forniti nel processo di adozione.
  3. La maggior parte dei cani sono in grado di decidere autonomamente e correttamente dove sporcare.
    Ma quando ciò non si verifica, le cause devono essere ricercate nella combinazione di anomalie funzionali e psichiatriche che complicano l’apprendimento e provocano reazioni indesiderate.
  4. Seguendo delle semplici regole, il cane può comportarsi correttamente già a tre mesi: età in cui non è ancora in grado di trattenersi e posticipare i suoi “bisogni”.
    È necessario insegnare al cucciolo quando, dove e su quale tipo di materiale deve sporcare.
    La sua educazione si basa su rinforzi positivi: ovvero premi per i comportamenti appropriati. Tutte le volte che sporca nel luogo giusto va premiato immediatamente e le prime volte è bene gratificarlo con il cibo.
  5. Quando il medico veterinario sospetta un’errata educazione sa che deve intraprendere un percorso con il proprietario intervenendo inizialmente per gradi valutando i risultanti per un periodo di tempo prestabilito, per esempio proponendo una nuova ricompensa e modificando correttamente le modalità con cui viene offerta al cane.