Nasce Anpca: Associazione di categoria delle pensioni per cani autorizzate

Anpca nasce per tutelare chi nel settore delle pensioni per cani opera nel rispetto delle regole e per combattere l’abusivismo.

0
anpca

L’Anpca raggruppa le aziende professionali autorizzate a gestire pensioni per cani. Tra gli scopi principali dell’Associazione vi è la tutela delle imprese che, in osservanza delle leggi vigenti, operano per il benessere dei cani e per la tranquillità dei loro proprietari.

La nascita dell’Associazione”, spiega il presidente Cosimo Lentini, “si è resa necessaria a fronte del dilagante fenomeno delle ‘pensioni’ per cani abusive che, fuori da ogni regola e controllo, si stanno sviluppando nel nostro Paese creando una situazione di rischio per la convivenza uomo-cane.

Anpca nasce dunque per tutelare chi nel settore delle pensioni per cani opera nel rispetto delle regole e per combattere l’abusivismo: la “pensione per cani” casalinga o domestica non ottempera agli obblighi di legge ed è quindi un evidente fenomeno abusivo molto diffuso.

Anpca si prefigge di sostenere il lavoro delle Autorità competenti segnalando le situazioni di abusivismo, a cominciare dalle piattaforme online e senza trascurare i singoli individui che “lavorano in proprio” senza nessun requisito fiscale e sanitario.

Anpca, oltre a riunire, assistere e tutelare i soci in funzione del riconoscimento e della valorizzazione della loro attività, intende fare un’informazione corretta e professionale verso i cittadini (proprietari di cani, amministratori di condominio, semplici vicini di casa, ecc.) sui requisiti che il professionista deve avere per accudire cani a pagamento.

L’esercizio dell’attività svolta in maniera professionale garantisce:

  1. che la struttura abbia reali coperture assicurative;
  2. che sia in possesso dell’Autorizzazione delle Asl veterinarie (che garantisce e tutela il benessere dell’animale e la salute pubblica imponendo obblighi ben precisi per la prevenzione come gli scarichi fognari dedicati ai cani, box con superfici lavabili che abbiano anche una parte esterna, reparto infermeria e toelettatura, aree verdi recintate definite. Essa inoltre prevede una distanza minima dalle abitazioni private);
  3. che il gestore abbia frequentato un corso sul benessere animale in Regione, corso che fornisce indicazioni precise su come operare nel mondo animale;
  4. che abbia una posizione fiscale regolare. Possono diventare soci Anpca sia i gestori di pensioni per cani autorizzate che singoli cittadini.

Per maggiori informazioni è possibile contattare Anpca scrivere un’e-mail a info@anpca.it.

FONTE: LaSettimanaVeterinaria