Un buon alimento per il cane? Deve essere digeribile!

Un’alimentazione equilibrata per il proprio cane è essenziale per la copertura del suo fabbisogno energetico e deve essere valutata in maniera accurata considerando diversi fattori come le necessità fisiologiche, l’età, lo stile di vita e l’insorgenza di eventuali patologie.

alimento digeribile

L’alimento, soprattutto nei soggetti giovani, deve essere facilmente digeribile e ricco in densità energetica in caso contrario il cane mangia maggiori quantità di cibo aumentando il rischio di problemi di maldigestione e malassorbimento gastrointestinale quali vomito diarrea e flatulenza.

L’assunzione di una quantità di cibo più abbondante ne riduce ulteriormente la digeribilità.

Un alimento poco digeribile causa problemi di malassorbimento gastrointestinale

Con un alimento di qualità scadente e bassa densità energetica la massima capacità dello stomaco viene raggiunta prima che essi abbiano consumato i nutrienti in maniera adeguata. Le conseguenze sono la compromissione della crescita e dello sviluppo muscolo-scheletrico.

Gli animali giovani traggono vantaggio da un alimento ricco di nutrienti ed energia perché il volume di cibo non è eccessivo e l’alimentazione non è limitata dalle dimensioni dello stomaco.

Difficile coprire tutte le esigenze nutrizionali del cane con una dieta casalinga

cane

Uno dei problemi legati alla razione casalinga è data dalle fonti: ricette proposte su libri o su web spesso non provengono da fonti accreditate dalla comunità scientifica e da professionisti del settore come i medici veterinari che, in ambito dietetico, non si limitano a valutare il peso dei propri pazienti ma lo stato di salute del soggetto, il body condition score per avere una valutazione specifica e semiquantitativa della condizione corporea globale dell’animale.

Senza l’aiuto di un medico veterinario, è sconsigliato intraprendere una dieta casalinga per il proprio cane dato che è molto difficile coprire tutte le sue esigenze nutrizionali: vi sono oscillazioni del contenuto in acqua e grassi nelle materie prime, perdite imputabili alla cottura, carenza di alcuni minerali e vitamine.

Le materie prime del cibo industriale sono verificate e certificate

Nei mangimi industriali, invece, viene inserita una grande quantità di materie prime con integrazioni mirate nel caso non coprano tutti i fabbisogni nutritivi con software dedicati che calcolano ad hoc tali operazioni.

Le materie prime sono sottoposte ad attenta verifica e certificazione o sono ottenute dalla macellazione di animali ritenuti idonei al consumo umano da parte del servizio sanitario veterinario nazionale che verifica anche l’assenza di sostanze tossiche come micotossine e metalli pesanti.

Gli alimenti completi possono essere economici, Premium o Super Premium: ognuna di queste categorie ha delle caratteristiche diverse in base alla qualità degli ingredienti usati, alla quantità e alla lavorazione degli stessi.

Olio extravergine di oliva? Un super alimento per il cane!