I gatti riconoscono il proprio nome? Parla una ricerca nipponica

Un'equipe di ricercatori giapponesi ha usato un particolare metodo per studiare i gatti domestici e capire se sono in grado di discriminare il loro nome dai nomi generali anche quando vengono pronunciati da persone sconosciute. 

gatti riconoscono il proprio nome

I gatti riconoscono il proprio nome? Contrariamente a quella dei cani, la capacità dei gatti domestici di comunicare con l’uomo non è stata esplorata a fondo.

I gatti riconoscono il proprio nome dai nomi generali?

Un’equipe di ricercatori giapponesi ha usato un metodo di abituazione-disabituazione per studiare i gatti domestici potessero discriminare le espressioni umane, che consisteva in nomi proprio di gatti, nomi generali e altri nomi di gatti conviventi.

Gatti di una famiglia normale e di un “cat cafè” hanno partecipato all’esperimento.

Tra i gatti delle famiglie normali, i gatti abituati alla presentazione seriale di quattro nomi di oggetti generici diversi, ma dello stesso numero di sillabe del nome dei gatti, o quattro nomi di gatti conviventi hanno mostrato una reazione significativa in risposta alla successiva presentazione dei loro nomi; questi gatti discriminavano i loro nomi dai nomi generali anche quando erano pronunciati da persone sconosciute. 

Cosa è emerso dalla ricerca?

I risultati dello studio condotto dall’equipe giapponese indicano che i gatti sono in grado di discriminare il proprio nome da altre parole. 

Non vi era alcuna differenza nella discriminazione dei propri nomi dai nomi generali tra i gatti del cat cafè e i gatti di casa, ma i primi non riuscivano a discriminare i propri nomi dai nomi di altri gatti conviventi.

I ricercatori nipponici concludono che i gatti possono discriminare il contenuto delle espressioni umane in base alle differenze fonemiche.

FONTE: LaSettimanaVeterinaria

Il gatto morde e attacca senza preavviso? ecco cosa fare