Lo stripping e gli altri tipi di tosatura per cani: conosciamoli!

Lo stripping ed eventuali rasature hanno una periodicità trimestrale, associata a un lavoro di trimming per il mantenimento della linea al massimo ogni 60 giorni.

tosatura per cani

Lo stripping è una tecnica di tosatura per cani realizzata a mano con l’ausilio di coltellini speciali privi di lame atti a rimuovere il pelo morto con un azione meccanica costante. Tale tecnica richiede una grande esperienza da parte del toelettatore in grado di capire se il pelo è maturo e pronto per essere rimosso: se così non fosse lo stripping comporterebbe irritazione della pelle e dolore all’animale.

Il lavoro del toelettatore oltre a richiedere una grande competenza ed esperienza è piuttosto faticoso in quanto il pelo viene strappato con la sola forza delle mani e richiede l’impiego di una notevole quantità di tempo perché occorre asportare pochi ciuffi di pelo alla volta.

Essa ha la funzione di rigenerare il pelo, sostituendo il processo naturale di caduta del pelo esaltando le peculiarità del soggetto, come la muscolatura e l’espressione del muso e aiutando la salute della pelle e del pelo rigenerandoli.

Permette, inoltre, di mantenere inalterati i colori del mantello che perderebbero di intensità nel caso di interventi con la macchinetta tosatrice.

Per ottenere ottimi risultati nel tempo è consigliato intervallare le operazioni di stripping con alcune operazioni di trimming ovvero dei “ripassi” effettuati a distanza di un mese circa dal primo trattamento di stripping principale.

È un’operazione fastidiosa per l’animale ma necessaria, il pelo morto infatti ha difficoltà a cadere da solo, deve essere eliminato sia per permettere una giusta aerazione della pelle sia per prevenire possibili problemi cutanei.

Lo stripping ed eventuali rasature nelle razze che lo richiedono hanno una periodicità trimestrale, associata a un lavoro di trimming per il mantenimento della linea al massimo ogni sessanta giorni.

La consueta operazione di pulizia con spazzola pettine e cardatore potrà avvenire con cadenza settimanale mentre nel caso di necessità specifiche, quasi solo di origine medica, dietro indicazione veterinaria, si potrà operare sul corpo in genere con la tosatrice elettrica, operazione che comunque rovina in breve tempo la tessitura e i colori del mantello.

E altri tipi particolari di tosatura per cani?

I cani con peli frangiati sono mediamente tutti dotati di frange sulle orecchie, arti e sottopancia, mentre il corpo presenta un mantello corto e più o meno semiruvido (Cocker Spaniel e Setter).

Questi mantelli richiedono sulle parti corte un lavoro di stripping e l’uso della tosatrice solo per la rasature di alcune zone, il tutto al massimo ogni due mesi.

Sulle parti frangiate, la spazzola, assieme a pettini e cardatori, andrà usata con una frequenza variabile fra quindici e trenta giorni, a seconda della profusione e della lunghezza delle frange; è opportuno inoltre regolare i peli fra le dita ogni due o tre mesi.

Per le razze Barbone o Barboncino, il cui pelo è in continua crescita, la tosatura va ripetuta ogni 6-8 settimane, anche se in genere viene eseguita più spesso in estate.

La toelettatura del Barbone o del Barboncino da esposizione è estremamente complessa e richiede parecchio tempo.

I vari tipi di toelettatura che si possono vedere nelle esposizioni sono solitamente:

Toelettatura continentale: tosatura sul treno posteriore fino alle cosce. Sono anche tosati muso, guance, zampe anteriori e posteriori a eccezione dei manicotti e coda, a cui viene lasciato un pon-pon rotondo o ovale all’estremità.

Toelettatura Puppy Clip: prevede il taglio a forbice del petto, lo stacco della coda, della groppa e delle natiche. Il piede deve essere arrotondato, la spalla e la coda a formare un pon-pon rotondo o ovale. È molto più diffusa rispetto alle altre.

Toelettatura inglese: presenta pelo più corto sulla parte posteriore del tronco e tre manicotti “ad anello” sulle zampe posteriori.