Problemi alle orecchie del cane: la vasculite del margine del padiglione

Tra i diversi problemi alle orecchie riscontrabili nel cane c'è la vasculite del margine del padiglione auricolare, infiammazione di tipo vascolare che può portare anche a necrosi e perdita di tessuto.

0

A cura di: Dott.ssa Giada Bagnagatti De Giorgi

problemi orecchie cane

Le orecchie del cane possono essere interessate da alcuni problemi di tipo patologico sia nelle parti interne, sia in quelle esterne, rappresentate dal condotto uditivo e dal padiglione auricolare.

Quest’ultimo è frequente sede di una particolare alterazione chiamata vasculite del margine.

La vasculite del margine dei padiglioni auricolari del cane

Per vasculite si intende un’infiammazione dei vasi sanguigni che porta a una riduzione o interruzione del normale flusso sanguigno e di ossigeno ai tessuti.

Queste modifiche producono diverse alterazioni che possono trasformarsi, nelle forme più gravi, in estese aree di necrosi.

Una sede abbastanza frequente di vasculite nel cane è il margine dei padiglioni auricolari.

Tale alterazione prende anche il nome di necrosi trombovascolare proliferativa delle pinne auricolari.

Sintomi di vasculite dei padiglioni auricolari nel cane

I sintomi possono interessare uno o entrambi i padiglioni auricolari.

vasculite del margine cane

Inizialmente possono essere poco eclatanti con alopecia, presenza di scaglie e croste, fino ad arrivare a lesioni ulcerative spesso coperte da croste ematiche con facile tendenza al sanguinamento.

Spesso ci si accorge come prima cosa di una perdita di sangue a seguito di scrollamento della testa e grattamento auricolare, per quanto la lesione possa essere di piccole dimensione.

Tali lesioni hanno frequentemente una forma a cuneo più o meno grande, a seconda del calibro del vaso interessato dal processo infiammatorio.

I tessuti che non ricevono più sangue e ossigeno vanno incontro a necrosi.

Le lesioni ulcerative con il tempo lasciano quindi il posto a una vera e propria perdita di tessuto con modificazione del margine auricolare.

Tali vasculiti hanno una maggiore frequenza in alcune razze canine quali Bassotto e Jack Russell (dove è riconosciuta una vasculite su base familiare).

Case di vasculite del margine nel cane

Indagare la causa scatenante risulta spesso difficile e frustrante. Una buona percentuale delle vasculiti del margine auricolare sono idiopatiche (non si riesce a trovare la causa).

La restante parte è invece ascrivibile a patologie infettive, malattie autoimmuni, reazioni a farmaci, reazione avversa al cibo.

Proprio per questo motivo è bene ricercare la causa sottostante prima di dare per scontato che si tratti di una forma idiopatica.

È di fondamentale importanza raccogliere tutte le informazioni circa lo stato generale di salute del cane, i farmaci e i vaccini somministrati, la possibile esposizione a zecche e ad altri vettori di malattia.

Bisogna ricercare poi la possibile presenza di lesioni simili in altre aree del corpo caratterizzate da una minuta vascolarizzazione periferica, quali estremità delle dita e punta della coda, ma non solo.

Esistono infatti gravi patologie che causano aree estese di necrosi con risentimento generalizzato.

Questa cosa non accade invece in forme lievi e idiopatiche di vasculite del margine dei padiglioni del cane.

Nell’iter diagnostico effettuato dal Medico veterinario per scoprire la patologia scatenante la vasculite rientrano la ricerca di malattie trasmesse da zecca e la leishmaniosi (mediante esami del sangue e/o ricerca del DNA del patogeno), prelievi bioptici ed esame istologico delle lesioni.

problemi orecchie cane quadrata

Trattamento della vasculite del margine dei padiglioni auricolari del cane

La possibile risoluzione della patologia è legata al ritrovamento della causa, alla gravità e alla risposta a terapia mirata (studiata dal Veterinario caso per caso).

Nelle forme idiopatiche, soprattutto se poco estese, l’uso di prodotti in grado di migliorare la vascolarizzazione periferica e di ridurre l’infiammazione può essere di grande aiuto.

Le opzioni sono molte, sia sotto forma di trattamenti locali (creme e unguenti) che sistemici (terapie per bocca), ma vanno valutate caso per caso e spesso richiedono lunghi periodi di trattamento.

La protezione dal traumatismo e dalle basse temperature può migliorare la situazione, anche se non sempre è possibile avere la completa risoluzione.

Possono permanere cicatrici e alterazioni del profilo auricolare, soprattutto se la causa non viene identificata.

In caso di problemi alle orecchie e alterazione del padiglione auricolare del proprio cane è importante quindi non esitare a contattare il Medico veterinario di fiducia.