Perché fa bene fare sport con il proprio cane

Sono molti gli sport che possono essere praticati con il proprio cane. Tutti si rivelano vantaggiosi sia per la salute del pet che del suo proprietario e sicuramente utili per migliorare qualsiasi tipo di relazione. Vediamo quali sono i più adatti per fare la scelta giusta.

A cura di: Dott.ssa Irene Cassi

sport fare con cane

Gli sport da fare con il cane sono moltissimi, tuttavia non sono tutti adatti al binomio pet-owner.

Ecco perché è sempre meglio che il proprietario si rivolga al Medico veterianario comportamentalista per fare la scelta più giusta.

Sono molteplici le discipline sportive che possono essere praticate con il proprio cane.

Tutte si rivelano essere non solo particolarmente proficue sia per la salute del pet che del suo proprietario, ma sono sicuramente utili anche per migliorare qualsiasi tipo di relazione.

Che cos’è lo sport?

Il termine sport, deriva dal verbo latino “deportare”, che vuol dire “uscire fuori porta” e cioè allontanarsi, ovvero uscire fuori dalle mura della città per praticare attività fisica e divertirsi.

I francesi furono i primi a utilizzare proprio la parola “desporter” con il significato di “divertimento” e “desport” per “ricreazione”, “svago” e “tempo libero”.

Solo più tardi, in Inghilterra si diffuse il termine “disport” che poi fu abbreviato in sport.

Lo sport infatti, come si evince dal suo significato etimologico, non è solo movimento, ma anche gioia, divertimento, è lo stare fuori.

Infatti, è proprio per questo che praticarlo fa bene al binomio pet-owner, perché rende la relazione ancora più salda.

Fare sport con il cane fa bene a entrambi

Lo sport fa sempre bene e se è praticato con il proprio animale ha sicuramente un effetto maggiore per ambedue i soggetti.

Tuttavia, in ogni caso, prima di intraprendere qualsiasi disciplina sportiva è necessario che venga opportunemante consultato il Medico veterinario comportamentalista per valutare lo stato di salute psico-fisica del cane.

Gli sport da praticare con il cane sono effettivamente moltissimi.

Tuttavia, non sono tutti adatti al binomio pet-owner. Ecco perché è sempre meglio che il proprietario si rivolga al comportamentalista per fare la scelta più giusta.

Sport in acqua

Gli sport acquatici possono essere praticati anche in piscina e quindi non è necessario aspettare la bella stagione.

Sono molto utili, perché facilitano il movimento del cane senza sollecitare le articolazioni.

Tuttavia, determinate razze come il Labrador Retriever, il Golden Retriever, il Falt-Coated Retriever, il Terranova, il Landseer, il Cane d’acqua portoghese sono più adatte e sono veramente attratte dall’acqua, altre invece no.

sport fare con cane in acqua
Gli sport acquatici sono molto utili, perché facilitano il movimento del cane senza sollecitare le articolazioni. Tuttavia, solo determinate razze come il Golden Retriever, sono più adatte e veramente attratte dall’acqua.

Il riporto in sequenza, lo slalom con traino, i tuffi sono tutte discipline molto stimolanti per il cane.

Trattandosi di attività da fare in coppia devono però essere considerate sempre le esigenze di ambedue i soggetti.

Sarà, quindi, opportuno in sede di visita, valutare, sempre, che tipo di rapporto hanno sia il cane che il proprietario con l’acqua.

Agility dog

L’agility dog è senza dubbio, lo sport cinofilo più noto.

Il cane deve percorrere nel minor tempo possibile e con una sequenza ben precisa un percorso composto da salti, tunnel, ruota, muro, slalom, passerella, bascula e tavolo.

Si tratta di una disciplina sportiva che richiede una buona preparazione fisica da parte sia del proprietario che del pet.

Canicross

Il canicross è una disciplina nata per proprietari e cani che amano correre.

sport fare con cane canicross
Nel canicross cane e proprietario corrono lungo un percorso sterrato uniti da una cintura, una linea elasticizzata e una pettorina.

Cane e proprietario corrono lungo un percorso sterrato uniti da una cintura, una linea elasticizzata e una pettorina.

Per praticare questo sport occorre un allenamento specifico.

In primis è assolutamente necessario che il cane impari a mantenere un’andatura costante per tutto il percorso, senza fermarsi o cambiare strada improvvisamente.

Questa disciplina è praticabile anche a piedi, in bicicletta o utilizzando un monopattino.

Dog dance

È la disciplina perfetta per chi ama ballare.

Il cane esegue una serie di esercizi detti “trick” assieme al proprietario, su una base musicale.

La sequenza di esercizi e di figure che compongono l’esibizione viene detta “routine”.

Le sequenze degli esercizi devono essere eseguite in modo fluido e armonioso e sincroni con quelli del conduttore.

È una disciplina che richiede molto impegno e pazienza da ambedue le parti, ma che dà molta soddisfazione.

Il risultato finale dovrà essere quello di un vero e proprio balletto a due.

Questa disciplina è consigliata anche ad animali più anziani, perché gli esercizi di preparazione mirano a ottenere un risultato ottimale.

Quindi il conduttore durante l’attività può, nel caso sia necessario, fare più pause per far riposare il cane.

Disc dog

È una disciplina sportiva, nata negli Stati Uniti, ed è particolarmente indicata per cani giovani, agili e che amano saltare.

sport fare con cane disco dog
Il Disc dog è una disciplina sportiva nata negli Stati Uniti, particolarmente indicata per cani giovani, agili e che amano saltare.

È praticato su un grande prato e utilizzando dei frisbee appositi.

Il terreno deve essere piano e senza buche, così da evitare al cane e al proprietario eventuali e possibili infortuni.

Il proprietario e il cane durante l’attività possono creare una routine di freestyle con salti e giravolte, compiendo il più delle volte delle vere e proprie acrobazie.

Obedience

Rispetto alle altre discipline già citate, l’obedience è molto meno dinamica.

Richiede però molto autocontrollo ed è un ottimo esercizio mentale.

Il cane, infatti, a fine attività è molto stanco.

È indicata specialmente per i soggetti che hanno uno stato di iper-reattività molto alto.

Durante l’obedience il proprietario insegna al cane la condotta, il riporto e il controllo a distanza.

Competenze che il cane poi dovrà eseguire nel corso di gare nel modo più preciso possibile.

Tramite l’obedience il cane acquisisce delle competenze che gli saranno utili nella vita di tutti i giorni.

Questa disciplina è particolarmente indicata per quei soggetti che presentano un problema inerente lo status gerarchico.

Rally obedience

In questa una disciplina sportiva l’animale deve seguire il proprio conduttore e completare una serie di esercizi di obbedienza che variano di volta in volta.

sport fare con cane Rally obedience
Nel Rally obedience l’animale deve seguire il proprio conduttore e completare una serie di esercizi di obbedienza. Il numero di cartelli e il grado di difficoltà degli esercizi cambia in base alla preparazione del binomio e all’età del cane.

Questo facendo il minor numero di errori possibili in un tempo prestabilito.

Il numero di cartelli e il grado di difficoltà degli esercizi cambia, infatti, in base alla preparazione del binomio e anche all’età del cane.

È una disciplina molto utile per migliorare la comunicazione tra pet e owner.

Il ruolo educativo del fare sport con il cane e i suoi effetti

Qualsiasi disciplina sportiva ha un ruolo educativo importante per il pet.

Praticare una disciplina sportiva con il cane è un’occasione unica che va sempre consigliata.

Perché non solo fa bene alla salute, in quanto stimola la produzione di endorfine sia nel pet che nel proprietario, ma perché migliora qualsiasi tipo di relazione, rendendola salda e unica.

Trascorrere del tempo all’aperto facendo attività sportiva con il proprietario è per il pet assolutamente proficuo per il suo benessere psico-fisico.

Lo sport fatto in coppia è, infatti, sicuramente un elemento positivo da cui ne trarrà beneficio non solo il cane e il conduttore, ma tutto il sistema familiare.

Praticare una disciplina sportiva, inoltre, può essere di notevole ausilio per tutti i soggetti affetti da patologie comportamentali o che mostrano evidenti problemi relazionali.

A ciascun cane il suo sport

Non tutti i cani sono adatti a praticare determinate discipline sportive.

Ecco perché sarebbe opportuno che il proprietario, prima di cimentarsi in una nuova disciplina sportiva con il suo cane chiedesse sempre la consulenza del Medico veterinario comportamentalista per valutare, come già ricordato, lo stato di salute fisico e mentale del suo pet.

Lo specialista durante la visita prenderà in considerazione la razza del cane o le esigenze del proprietario.

Dovrà valutare con attenzione anche tutti i comportamenti dell’animale, l’ambiente in cui vive, le dinamiche relazionali vigenti all’interno del sistema familiare.

Ma soprattutto lo stato di attivazione emozionale del cane, che rappresenta un parametro fondamentale da conoscere per facilitare i processi di apprendimento e per garantire il benessere psico-fisico del cane.

sport fare con cane obedience

Un cane con un alto stato di iper-reattività ha elevate capacità di attenzione verso qualsiasi cosa che lo circonda.

A causa del suo deficit di concentrazione però tenderà a distrarsi facilmente e con difficoltà riuscirà a portare a termine un lavoro assegnatogli.

Un cane con basso stato di iper-reattività è invece annoiato, apatico e ha scarse capacità di attenzione nei confronti del mondo esterno e degli stimoli presenti.

Per un soggetto con stato di iper-reattività alto sono consigliate le discipline sportive che rilassano e favoriscono uno stato di calma.

Per un cane con stato di iper-reattività basso sono invece particolarmente indicati gli sport attivi che lo stimolano a muoversi.

Un animale con un livello intermedio di stato di iper-reattività può svolgere qualsiasi disciplina, perché riesce ad avere l’attenzione e la concentrazione necessaria per svolgere ogni compito che gli è assegnato.

Il ruolo delle discipline sportive per la terapia comportamentale del cane

In animali ansiosi e depressi e che manifestano un disagio psico-fisico lo sport di coppia è sempre consigliabile.

Nel caso in cui ci siano evidenti problemi di tipo relazionale tra il pet e un familiare, lo sport in coppia rientrerà proprio nel piano terapeutico.

In quest’ultimo è opportuno, per facilitare il benessere psico-fisico del cane, decidere con particolare attenzione quale disciplina sportiva far praticare alla coppia pet-owner.

Sempre tenendo in considerazione non solo l’età e le condizioni di salute del cane, ma anche quelle del proprietario.

Lo sport di coppia facilita l’affiliazione tra pet-owner e rende qualsiasi tipo di relazione più salda.

Una buona relazione si basa sulla fiducia e quando si praticano queste discipline sportive è richiesta da ambedue le parti un estremo impegno e rispetto.

Nel caso in cui siano presenti problemi gestionali dovuti allo status gerarchico, sarà necessaria la presenza del Veterinario comportamentalista, durante le attività sportive.

Questo per osservare e, nel caso, per correggere determinati errori compiuti dal partner umano, così da poterlo indirizzare a una gestione più responsabile e attenta.