Maltrattamento degli animali? in Grecia è punibile fino a dieci anni di reclusione

Dopo due ennesimi casi di crudeltà verificatisi ai danni di due cani nel Paese il mese scorso e diffusi sui social, il governo greco ha inasprito severamente le pene previste contro il maltrattamento degli animali.

0
maltrattamento-degli-animali-in-grecia

In Grecia, il Parlamento ha adottato all’unanimità, il 5 novembre 2020, un nuovo emendamento firmato dai ministri delle Finanze, della Giustizia, degli Interni e dell’Agricoltura, che rende il maltrattamento degli animali, precedentemente qualificato come un semplice reato, “un crimine punibile fino a dieci anni di reclusione”.

Fino a dieci anni di reclusione

L’emendamento afferma che “la crudeltà verso gli animali, e in particolare l’uccisione o la tortura di animali infliggendo intenzionalmente dolore fisico o grave esaurimento fisico, mettendo in pericolo la loro salute, in particolare provocando avvelenamento, impiccagione, annegamento, ustioni o mutilazioni, devono essere puniti con la reclusione fino a 10 anni”.

Questa pena detentiva sarà accompagnata, per chi abusa o uccide animali, da una multa giornaliera da 50 a 100 euro per un massimo di 500 giorni.

La pena detentiva minima sarà di un anno. Fino a ora, l’infrazione era un reato la cui pena detentiva era di al massimo un anno, con una multa da 5.000 a 10.000 euro.

Non solo maltrattamento degli animali, ma anche abbandono o incuria

Altre violazioni delle attuali leggi sul trattamento degli animali e degli animali domestici (come l’incuria, l’allevamento e la presentazione di animali mutilati negli spettacoli, l’abbandono …) comporteranno ora multe più elevate, tra 10 e 50 euro a persona e al giorno, fino a 360 giorni, oltre all’attuale massimo di un anno di reclusione.

Gli animali da compagnia e gli animali sequestrati temporaneamente saranno definitivamente sottratti ai loro proprietari se questi non si impegnano a sostenere i costi finanziari del ristabilimento della salute del loro animale, delle cure veterinarie e di condizioni di vita adeguate.

Le multe saranno raccolte dalle Municipalità allo scopo di costruire o migliorare i rifugi per animali nel comune.

Tuttavia, il legislatore non consente l’uso di questi soldi per altre azioni come l’acquisto di cibo o la sterilizzazione.

In Grecia, recenti casi di crudeltà
 nei confronti di due cani

Il ministro dell’Agricoltura Makis Voridis, che ha presentato l’emendamento, ha detto che si tratta di “un messaggio forte dal Parlamento alla società”. “La società non può più accettare tali atti”, ha aggiunto, riferendosi a due recenti casi di crudeltà sui cani che hanno scioccato la Grecia.

Un cambiamento nella legge era una richiesta di vecchia data delle società greche di protezione degli animali, ma i governi finora avevano rifiutato. Due casi efferati il mese scorso hanno scosso il Paese e accelerato il cambiamento legale.
 All’inizio di ottobre, un uomo di 55 anni ha impiccato ed evirato un cane a Heraklion (Creta). Le foto erano state diffuse sui social network e nei media greci.

L’uomo è stato condannato a pagare una multa di 30.000 euro. Pochi giorni dopo, in una strada nel sobborgo di Nikaia nel Pireo, a ovest di Atene, un insegnante di 54 anni ha ripetutamente pugnalato e colpito un cane con una sbarra di ferro.