Le tartarughe sono attratte dai cibi rossi, arancioni e blu!

Presenti in gran parte degli ambienti del pianeta, a eccezione delle regioni polari, le tartarughe presentano alcune curiose particolarità “sensoriali” che è interessante conoscere. Andiamo a scoprirle insieme.

0
tartarughe-sono-attratte-dai-cibi

Le tartarughe hanno una buona visione dei colori ma uno scarso apprezzamento dei movimenti e delle distanze. In particolare le tartarughe sono attratte dai cibi rossi, arancioni o blu: “Vedono questi colori meglio degli umani e percepiscono i raggi ultravioletti, mentre noi percepiamo meglio i gialli e i verdi”, spiega il dott. Didier Boussarie, medico veterinario specialista in NAC (nuovi animali da compagnia).

Ecco i sensi più sviluppati nelle tartarughe

Come la vista, l’olfatto è sviluppato nelle tartarughe e consente la scelta oculata dei cibi grazie alla regione olfattiva e al vestibolo olfattivo.

Il loro senso del gusto permette a questi animali di distinguere tra dolce, salato, acido e acquoso.

L’udito è abbastanza selettivo, con una acuità uditiva che va da 80 a 130 hertz (per gli esseri umani, l’acuità uditiva varia da 20 a 20.000 hertz).

Alcune specie terrestri percepiscono comunque suoni di 500 hertz.

Le tartarughe non hanno un orecchio esterno.

Come è fatto il carapace della tartaruga?

Il carapace è composto da uno strato superiore, o epidermico, costituito da un materiale corneo organizzato in 54 squame epidermiche, e da uno strato profondo, osseo e sensibile al calore, composto da 58 placche osteodermiche.

Le tartarughe hanno sensibilità esterocettiva, propriocettiva e nocicettiva. “La nocicezione non è collegata alla termosensibilità, il che spiega perché una tartaruga può bruciarsi senza provare dolore”, sottolinea l’esperto.

Come comunicano le tartarughe?

La comunicazione nelle tartarughe comprende un insieme di mezzi con una componente tattile, olfattiva, visiva o uditiva: cenni della testa ritualizzati, posture, urti contro i carapaci, morsi, movimenti degli arti, vocalizzazioni, feromoni da varie secrezioni ghiandolari.

In particolare durante l’accoppiamento, le tartarughe emettono vocalizzazioni tipiche molto intense”, conclude l’esperto.