Insonnia e altri problemi del sonno nel cane, cosa fare?

Tra i disturbi del sonno che gli animali da compagnia possono manifestare, l'insonnia è sicuramente quello più frequente.

problemi del sonno nel cane

Tra i problemi del sonno nel cane, l’insonnia è sicuramente quella più frequente. E questo problema diventa presto anche quello del proprietario o addirittura di tutta la famiglia.

Giacché se un cane può dormire tranquillamente durante il giorno e quindi recuperare, il proprietario e l’intera famiglia non può farlo.

La stanchezza si accumula fino allo sfinimento. E poiché il proprio cane soffre d’insonnia, lo stesso proprietario finisce che non dorme nemmeno lui.

Insonnia tra i più frequenti problemi del sonno nel cane

Un cane normalmente dorme dalle otto alle dieci ore al giorno, generalmente di notte, come noi. Tuttavia se soffre di un disturbo dell’umore, il suo sonno è perturbato:

  • Un cane “iper”, iperattivo, ipereccitabile, dorme generalmente meno di otto ore al giorno e presente delle fasi d’attività notturna;
  • Un cane ansioso dorme con un “occhio aperto” e si sveglia sempre il minimo rumore, per il minimo cambiamento dell’ambiente; reagisce con lamenti e con abbai.
  • Un cane depresso dorme male, ha un sonno agitato, poco riposante. Inoltre l’animale può alzarsi e camminare durante la notte.

Vuoi saperne di più sulla depressione del cane e come comportarsi?

Altri disturbi del comportamento legati ai problemi del sonno nel cane possono provocare insonnia o risvegli notturni.

È il caso del sonnambulismo, raro nei cani: il cane sogna, si alza, cammina, va a sbattere e si risveglia confuso.

L’aumento dell’attività durante il giorno permette anche un sonno migliore di notte: per questo è molto importante stimolare e invogliare il proprio cane in numerose attività diurne, dalla passeggiata al parco a numerosi giochi svolti insieme.

Se il proprio cane soffre di insonnie notturne o altri problemi legati al sonno, è molto importante rivolgersi al medico veterinario comportamentalista, in modo da risalire al disturbo dell’umore sottostante.