Il mio uccello fa troppo rumore in casa! Ecco cosa fare

In natura, gli uccelli vocalizzano per comunicare tra loro, per esprimere emozioni, per avvisare di un pericolo o per attirare l’attenzione. In cattività, invece, le vocalizzazioni vengono utilizzate per accogliere il proprietario, per attirare la sua attenzione o per esprimere paura, dolore, fame, ansia.

uccello fa rumore

È normale che un uccello vocalizzi (canti, fischi o grida) una o più volte durante il giorno e faccia quindi rumore. Gli uccelli emettono vocalizzazioni di ogni genere, il cui significato può variare a seconda della specie e della situazione: il cinguettio esprime piacere durante i giochi o la cura reciproca, mentre il canto è spesso prodotto da un maschio che cerca di sedurre o di delimitare il proprio territorio.

Le grida, molto meno piacevoli alle orecchie umane, sono parte integrante di questo repertorio.

Gli psittacidi sono uccelli piuttosto rumorosi

Le denunce per rumori eccessivi riguardano spesso gli psittacidi, che sono uccelli rumorosi per natura e che hanno bisogno di comunicare con coloro che li circondano.

Gli uccelli, nelle nostre case, rispondono a tutto ciò che sentono, a volte riproducendo i suoni: cantano quando la radio è accesa, piangono se i bambini piangono, abbaiano con il cane.

Spesso vocalizzano all’alba e al tramonto o per attirare l’attenzione del proprietario.

Se questo a sua volta grida da una stanza vicina per rimproverare l’uccello, in realtà gli risponde come farebbe un congenere!

Un ambiente pieno di rumore rende rumoroso a sua volta un uccello

Inoltre, le grida dell’uccello possono essere stimolate da rumori di elevata intensità sonora (martello pneumatico, tosaerba, camion della spazzatura): un ambiente rumoroso rende rumoroso un pappagallo.

Come comportarsi?

Per evitare che un uccello faccia rumore di notte o al mattino, è opportuno rispettare orari regolari per andare a dormire e alzarsi, ponendo la gabbia in una stanza tranquilla e coprendola con un tessuto spesso e opaco in modo che l’uccello resti al buio.

È fondamentale non rinforzare il comportamento prestando attenzione all’uccello che grida: quando chiama va ignorato mentre quando è calmo o quando emette suoni piacevoli gli si deve prestare attenzione.

Naturalmente, la figura alla quale rivolgersi, soprattutto se l’uccello dovesse manifestare disagi psico-fisici o di malessere, è il medico veterinario.