Effetto collaterale del lockdown? i furti di cani nel Regno Unito!

Essendo l’offerta inferiore alla domanda, il desiderio di adottare di un compagno a quattro zampe per rendere più sopportabile l’isolamento durante il lockdown si è tradotto in un aumento dei furti di cani nel Regno Unito.

furti-di-cani

Adottare cuccioli di cani per rendere più sopportabile l’isolamento durante il lockdown è stato il desiderio di molti Britannici dall’inizio della pandemia Covid-19. Di conseguenza, le richieste di adozione di animali domestici sono esplose in tutto il Regno Unito. Essendo l’offerta inferiore alla domanda (pochi cani nei rifugi e allevatori coscienziosi che non vogliono produrre cuccioli più velocemente), questo desiderio immediato di un compagno a quattro zampe si traduce in un aumento dei furti di cani nel Paese.

Un’esplosione di prezzi… e furti di cani durante il lockdown!

Con più persone che lavorano da casa, la domanda di cuccioli è aumentata, così come il costo per l’acquisto di un cucciolo che è passato da circa 500 a oltre 2.000 sterline. Per la criminalità organizzata è diventato un mercato redditizio da sfruttare”, ha detto a Sky News il sovrintendente investigativo Neil Austin del National Police Chiefs’ Council.

Secondo Wayne May, dell’organizzazione Dog Lost che aiuta i proprietari a ritrovare i pet smarriti o rubati, la situazione del 2020 non ha precedenti: “Lo faccio da 30 anni ed è l’anno peggiore che abbia mai conosciuto”, ha detto alla BBC, May ha visto un aumento di circa il 250% dei furti di cani dall’inizio della pandemia.

Prima quello che vedevamo era il furto opportunistico, una percentuale molto piccola era costituita da bande criminali o furti mirati. Tuttavia, le cose sono cambiate lo scorso anno”, aggiunge May, che lavora con la polizia britannica.

I ladri di cani rapiscono questi animali per venderli ma anche per allevarli. Stessa osservazione di Lynne Cullen, amministratore di Missing Dogs Ireland, una pagina Facebook con oltre 15.000 iscritti, per la quale le sparizioni di cani sono a un livello mai visto prima.

Già lo scorso luglio aveva dato l’allarme, “ma nelle ultime settimane è andato fuori controllo. In realtà è come una pandemia di cani scomparsi e rubati: a ogni ora del giorno il cane di qualcuno sparisce, o è rubato per non essere più ritrovato”.

Maggior attenzione e pene più severe

Le associazioni per il benessere degli animali esortano i proprietari a monitorare attentamente i loro cani, soprattutto durante il lockdown, dopo questa ondata di sparizioni e presunti furti in tutto il Paese. La Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals (RSPCA) definisce i dati “davvero preoccupanti”.

Il suo portavoce ha quindi raccomandato a tutti i proprietari di prendere ulteriori precauzioni per proteggere i loro animali, identificandoli tramite microchip ed assicurandosi che indossino un collare con i loro dati di contatto.

La polizia del Leicestershire consiglia di prendere ulteriori precauzioni come non lasciare, quando possibile, i propri animali da soli all’esterno e garantire che i giardini di casa siano sicuri.

Per Wayne May, solo sanzioni più severe potrebbero scoraggiare i ladri. “Attualmente è più redditizio essere un ladro di cani che uno spacciatore nel Regno Unito. Se vieni sorpreso a rubare un cane, rischi una multa compresa tra 200 e 250 sterline. E le bande criminali sono disposte a correre il rischio per una cifra così ridicola”, spiega.

Nel Regno Unito è in corso una campagna per modificare la legge che tratta gli animali rubati come proprietà e per ottenere sanzioni più severe.

Il comportamentalista canino Stan Rawlinson ha lanciato una petizione, che ha raccolto quasi 500.000 firme, chiedendo un cambiamento legale: “I cani sono esseri senzienti, non oggetti inanimati.

Ecco perché chiedo che il furto di animali domestici sia un reato penale specifico”.