Cosa fare se il cane morde un rospo? Tutto quello che devi sapere

Il rospo è un animale protetto che sostituisce in modo molto efficace gli insetticidi. Tuttavia, onde evitare spiacevoli incontri (sia per il cane che per il rospo stesso), è importante una vigilanza attiva durante la passeggiata serale con il proprio cane.

cane-morde-un-rospo

Il rospo è attivo essenzialmente durante la notte ed è facile incontrarlo in particolar modo alla sera, quando il cane esce per l’ultima passeggiata della giornata.

Il rospo comune (Bufo bufo) è il rospo più grande presente in Europa, ed è anche quello che si incontra più frequentemente.

In Italia è presente anche il rospo smeraldino (Bufotes viridis), con le sue sottospecie rospo smeraldino siciliano (Bufotes boulengeri siculus), appenninico (Bufotes balearicus) e lampedusano (Bufotes boulengeri).

In ogni caso, qualunque sia la specie, tutti i rospi secernono attraverso delle ghiandole presenti nelle loro tegumento un veleno che è destinato a proteggerli dai predatori (anche se i serpenti non ne sono sensibili).

Questo veleno non riesce ad attraversare la barriera cutanea, ma è ben assorbito per via mucosale, orale od oculare che sia.

Intossicazioni da rospo? Il cane è la specie più colpita

Spesso, il cane prende in bocca il rospo, per curiosità, per gioco o per fame, ma raramente lo ingoia e di solito lo sputa rapidamente a causa della sgradevole sensazione che riceve.

Infatti, la pressione esercitata dalle mascelle del cane causa l’espulsione del veleno che ha un sapore acido ed è irritante.

Infatti, sulla base della chiamata fatte ai centri antiveleni, il cane è la specie animale più coinvolta, e si può evidenziare un 90% di cani vs 10% di gatti intossicati.

Altri rari casi sono riferibili al furetto, al pollo o al topo.

Quali sono sintomi?

La sintomatologia clinica dell’avvelenamento compare rapidamente ma dipende da molti fattori tra cui la taglia degli animali: del rospo, del cane o del gatto interessato.

I rospi di grandi dimensioni secernono una quantità maggiore di veleno e i cani di piccole dimensioni sono molto più vulnerabili di quelli di grossa taglia.

I principali sintomi sono:

  • ipersalivazione schiumosa;
  • vomito;
  • abbattimento più o meno marcato;
  • alterazioni cardiache e nervose (principalmente nei cani di piccola taglia).

Cosa fare se il cane morde un rospo?

Il primo gesto da fare dopo il contatto del cane con un rospo è quello di risciacquargli abbondantemente la cavità orale per rimuovere il veleno e calmare l’irritazione.

Se possibile, meglio utilizzare acqua con bicarbonato (acqua di rubinetto con l’aggiunta di cucchiaio di bicarbonato di sodio per litro).

Successivamente è molto importante recarsi immediatamente dal medico veterinario.

Malgrado l’evoluzione sia il più delle volte favorevole, nei casi gravi si può arrivare, subito o dopo diversi giorni, a un arresto cardiaco fatale.

Gli animali gonfi e più gonfiati nel mondo. Perché lo fanno?