Consigli utili per viaggiare in auto con cane o gatto

Ecco qualche consiglio pratico per fare un viaggio tranquillo in auto con il proprio cane o gatto e senza ricorrere in sanzioni.

0
in auto cane

Se si è deciso di viaggiare per una vacanza o anche per un semplice spostamento in auto con il proprio cane o gatto ecco alcuni consigli per andare tranquilli fino alla meta.

In auto la temperatura dell’abitacolo deve essere confortevole anche per cane e gatto

Quando si viaggia in auto con il proprio pet, è importante mantenere nell’abitacolo una temperatura né troppo calda, né troppo fredda.

Non si deve mai lasciare l’animale in una macchina con le porte chiuse anche per una breve sosta.

Al sole, la temperatura può arrivare rapidamente a 50 gradi e oltre, anche se si hanno i finestrini aperti.

Per regolare la temperatura corporea, cani e gatti non sudano, ma aumentano la frequenza respiratoria a bocca aperta.

Questo sistema di raffreddamento è meno efficace della sudorazione e non è sufficiente a regolare la temperatura interna, che quindi aumenta velocemente.

L’animale va così incontro a un colpo di calore, con convulsioni e morte in agonia.

Un viaggio tranquillo

Durante la guida bisognerebbe evitare, nei limiti del possibile, brusche accelerazioni e frenate.

Per rendere il viaggio in auto più confortevole si può introdurre nel trasportino/kennel del cane o del gatto il suo gioco preferito o la sua copertina.

Quando è tranquillo, gratificarlo con un tono di voce dolce e rassicurante.

Al contrario se si agita, miagola, ecc., è meglio ignorarlo ed evitare di rassicurarlo per non rinforzare l’atteggiamento di agitazione.

in auto cane abitacolo

Soste sicure e pronto intervento

Durante le soste, sarebbe meglio evitare di tirare fuori il gatto dal trasportino.

I rumori degli altri veicoli e l’odore di benzina sono fattori di disagio, sgradevoli e ansiogeni.

Piuttosto, se il tragitto è lungo, è consigliabile mettere una traversina sul fondo del trasportino.

Portare il numero del Medico veterinario di fiducia per un parere, in caso di dubbi o piccole urgenze, consultandolo prima della partenza anche per stabilire cosa portare nella borsa del pronto soccorso del proprio pet.

Il trasporto degli animali in auto: cosa dice il Codice della Strada

In Italia, il trasporto degli animali è regolamentato dal Codice della Strada (CdS), agli articoli 169 e 170.

Vediamo cosa dicono per non incorrere in eventuali sanzioni.

Articolo 169, comma 6

“Sui veicoli diversi da quelli autorizzati a norma dell’art. 38 del Decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320, è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida.

in auto cane gatto

È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete o altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri.

Articolo 169, comma 10

Chiunque viola le altre disposizioni di cui al presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 87 a € 345 e la decurtazione di 1 punto sulla patente.

Inoltre chi installa una rete o barriera divisoria ‘fissa’ senza richiedere regolare autorizzazione all’ufficio competente della Motorizzazione Civile, viene sanzionato con una multa da 430 a 1.731 euro in base all’articolo 78 CdS.

Articolo 170, comma 5

Sui veicoli di cui al comma 1 (cicli e motocicli) è vietato trasportare oggetti che non siano solidamente assicurati, che sporgano lateralmente rispetto all’asse del veicolo o longitudinalmente rispetto alla sagoma di esso oltre i cinquanta centimetri, ovvero impediscano o limitino la visibilità al conducente.

Entro i predetti limiti, è consentito il trasporto di animali purché custoditi in apposita gabbia o contenitore“.

Articolo 170, comma 6

Chiunque viola le disposizioni di cui al presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 83 a € 332.