Cassetta igienica per il gatto: dove posizionarla in casa

Il gatto può evitare la cassetta se viene posizionata in un luogo rumoroso o comunque non di suo gradimento. Andiamo a vedere come posizionare la lettiera in un luogo di casa adatto al nostro gatto (o più gatti)!

cassetta-igienica-per-il-gatto-dove-posizionarla-in-casa

Le cassetta igienica per il gatto dovrebbe essere posizionata in una zona tranquilla della casa e non di passaggio ma lontano da fonti di rumore. Il numero delle cassette igieniche presenti in casa devono essere in numero uguale a quello dei gatti presenti in casa, più una, e vanno posizionate in ambienti diversi.

Il gatto può evitare la cassetta igienica perché è stato spaventato da qualcosa mentre la stava utilizzando (per esempio una cassetta posizionata in un luogo di passaggio o vicino a un elettrodomestico).

Per il gatto è importante suddividere gli spazi per alimentazione (ciotole) e eliminazione (cassetta igienica)

Il gatto è un animale che ha una precisa organizzazione del territorio e della gestione delle sue risorse, e di questo bisogna tener conto quanto si organizza lo spazio in casa.

È dunque molto importante creare una suddivisione di spazi e risorse: gli spazi per le principali attività (alimentazione, riposo, eliminazione) vanno separati, in modo che non siano vicini, anche se in casa è presente un solo gatto.

Ciascun gatto deve poter disporre dei propri spazi in casa

Il gatto appartiene a una specie sociale, ma solitaria che tende a formare dei gruppi solo quando le risorse e gli spazi sono sufficienti.

Questo va tenuto in considerazione in tutte le situazioni in cui ci sono più gatti conviventi: in questo caso ciascun gatto deve poter disporre delle proprie risorse e dei propri spazi, senza che questi debbano per forza essere condivisi; inoltre può essere utile fornire spazi e passaggi sopraelevati e zone riparate e che creino dei rifugi sicuri.

Lo scopo di ciò è quello di evitare o ridurre al minimo gli scontri e i momenti di tensione tra i gatti di casa.

Se la disponibilità di spazio si riduce e l’organizzazione delle risorse cambia, il gatto non ha più la percezione del controllo sul territorio e sull’accesso alle stesse risorse, con conseguente insorgenza di uno stato di stress e ansia, che può essere più o meno grave a seconda della capacità di adattamento del singolo.