Alimentazione del furetto domestico

L’attenzione alle esigenze alimentari e ambientali dei furetti da compagnia si traduce in animali fisicamente e psicologicamente sani e di conseguenza in un rapporto positivo con i proprietari.

0

A cura di: Prof.ssa Giorgia Meineri

alimentazione furetto domestico

Negli ultimi decenni, il furetto domestico sta raccogliendo un consenso sempre maggiore all’interno delle famiglie, di conseguenza si è sempre più attenti alle loro esigenze, anche quelle di alimentazione.

Curarsi di un furetto non significa infatti limitarsi all’aspetto sanitario e al suo mantenimento, ma vuol dire anche occuparsi della sua corretta alimentazione.

Il furetto domestico: caratteristiche

I furetti domestici (Mustela putorius furo) sono classificati come carnivori e sono membri della Famiglia filogenetica Mustelidae, che comprende anche visoni, donnole, tassi e lontre.

Alla nascita, i furetti sono ciechi e sordi, e pesano circa 6-10 grammi.

Sebbene possano mangiare cibo umido entro 21 giorni, il vero svezzamento avviene in genere intorno alle 6-8 settimane.

L’età adulta si verifica tra gli 8 e i 12 mesi e gli adulti sterilizzati pesano tipicamente tra 0,8 e 1,2 kg.

Caratteristiche nutrizionali del furetto

La dieta naturale del furetto consiste prevalentemente di piccole prede intere, ad esempio uccelli, mammiferi, uova e anfibi.

Esso si affida ampiamente al senso dell’olfatto, sviluppando una preferenza olfattiva per il cibo durante i primi mesi di vita.

alimentazione furetto domestico cibo

Essendo un carnivoro, la sua dentatura è costituita da pochi molari e grandi canini e un muscolo masticatorio ben sviluppato.

Anche se la capacità gastrica è notevole, questi animali mangiano preferibilmente piccoli pasti frequenti durante il giorno, piuttosto che rimpinzarsi a intermittenza.

L’intestino tenue corto fa sì che il tempo di transito gastrointestinale sia estremamente breve (3-4 ore per le diete a base di carne).

In questa specie, il digiuno prolungato può provocare un’ipoglicemia grave sia nei cuccioli sia nei soggetti con insulinomi.

In generale, l’attività degli enzimi digestivi nel furetto è numericamente inferiore rispetto ad altre specie.

Attualmente si hanno poche informazioni sulle caratteristiche della sua popolazione microbica intestinale.

Fabbisogni calorici e idrici del furetto

Dai primi anni 2000 si sono verificati progressi significativi nella ricerca sulla nutrizione del furetto.

Quindi oggi sono molti i dati utili per una valutazione nutrizionale completa di questo animale.

Anche se gli esatti fabbisogni dipendono da fattori ambientali, il fabbisogno calorico per i furetti adulti è compreso tra 200 e 300 kcal di energia metabolizzabile (ME) per chilogrammo di peso corporeo (PC) al giorno.

La crescita, la riproduzione e l’allattamento possono aumentare tali esigenze fino a 3 volte.

Per quanto riguarda il fabbisogno idrico, si stima siano sufficienti circa 60 ml/kg di peso corporeo/giorno.

Poiché i furetti amano i giochi d’acqua, si consiglia di mettere a disposizione più fonti di acqua fresca e potabile ogni giorno e una ciotola, pesante e non ribaltabile con acqua.

Quali prodotti commerciali possono essere utilizzati per l’alimentazione del furetto domestico?

Sebbene esistano diversi prodotti formulati e commercializzati specificamente per i furetti, vengono spesso prese in considerazione diete commerciali per visoni e felini.

Tuttavia, prima di procedere con la loro somministrazione, è necessario valutare attentamente il profilo nutrizionale e l’elenco degli ingredienti in etichetta e chiedere sempre consiglio al Medico veterinario.

alimentazione furetto domestico mano

Per ridurre il rischio di carenza di aminoacidi essenziali e per evitare l’instaurarsi di calcoli urinari, la dieta dovrebbe contenere un livello totale di proteine variabile dal 30% al 35% sulla sostanza secca.

Per quanto riguarda la fibra, la fonte naturale per i furetti selvatici proviene dal contenuto intestinale della preda, ingerita intera.

Una dieta povera di fibre e altamente digeribile è l’ideale.

Le crocchette secche tendono ad essere la forma alimentare preferita per la maggior parte dei proprietari di furetti.

I denti di questi animali però non si sono evoluti per mangiare crocchette di tale durezza.

Per questo motivo è possibile osservare una maggiore usura dei denti nei furetti tenuti in casa.

D’altra parte, le diete umide, prevalentemente morbide, possono essere problematiche perché possono aumentare l’accumulo di tartaro e placca dentale.

Una dieta composta principalmente da crocchette secche e spuntini intermittenti e vari, può aiutare a mantenere l’arricchimento e la flessibilità alimentari.

Sebbene la loro anatomia e fisiologia sia predisposta per ingredienti freschi e crudi, i furetti appetiscono i cibi dolci.

Questi però potrebbero influenzare la corretta alimentazione del furetto domestico e contribuire all’insorgenza nell’animale di disturbi delle cellule del pancreas.

Alimenti che si possono utilizzare per la dieta del furetto

  • Crocchette.
  • Cibo in scatola per gattini (3 volte a settimana).
  • Preda intera (una volta alla settimana, ad esempio piccoli volatili).
  • Spuntini (< 10% dell’apporto calorico totale).
  • Visceri di animali (attenzione all’uso del fegato a causa degli alti livelli di vitamina A, che può provocare tossicosi come nel gatto).
  • Carne di pollo.
  • Uova.
  • Frutta.