Pet therapy: uno studio dimostra che i cani si divertono

pet-therapy

I cani utilizzati nella pet therapy sono sempre più numerosi e quest’ultima è sempre più diffusa nelle scuole, negli ospedali e in altre strutture socio-sanitarie.

I benefici che questi animali “danno” ai pazienti sono reali e ben visibili.

Ma invece i cani sono davvero felici di aiutare gli esseri umani? sono contenti di essere impiegati nella pet therapy?

Secondo uno studio recente, pubblicato sulla famosa rivista Applied Animal Behavoiur Science, la risposta sarebbe si.

Lo studio è stato condotto dall’organizzazione americana animalista American Humane, la quale ha svolto un’indagine in cinque diversi ospedali negli Stati Uniti d’America.

Nello studio sono stati monitorati circa cento pazienti e ventisei cani utilizzati nei reparti di neoplasia pediatrica.

Lo scopo dello studio era quello di testare il livello di cortisolo, ormone che aumenta con lo stress, e di valutare il loro comportamento nei confronti dei pazienti.

Il primo dato emerso è che il cortisolo non subiva modifiche rilevanti quando il cane stava con i pazienti rispetto a quando si trovava a casa.

Ciò significa quindi non c’era un aumento di stress durante la pet therapy per il cane.

Dopodiché hanno valutato il comportamento canino: il modo di avvicinarsi a una persona, i guaiti, leccarsi le labbra, agitare la coda e molti altri comportamenti.

E anche in questo caso il risultato è stato positivo: gli animali non sono mai risultati particolarmente stressati.

Anzi, nella maggior parte delle volte i cani mostravano addirittura entusiasmo.