Per il 91% degli italiani gli animali sono veri e propri membri della famiglia

Da una recente indagine è emerso che gli italiani non solo amano gli animali da compagnia, ma li ritengono parte integrante delle loro famiglie.

italiani e gli animali Famiglia

Una recente indagine ha analizzato la natura del rapporto tra gli italiani e gli animali da compagnia.

Ne è emerso che gli italiani non solo amano gli animali da compagnia, ma li ritengono parte integrante delle loro famiglie.

Sono per loro fonte di benessere fisico e psicologico e ne riconoscono il ruolo fondamentale di aiuto e supporto giocato durante il lockdown.

italiani e gli animali lockdown

Questo è parte di quanto emerso dal sondaggio che Federchimica AISA (Associazione Nazionale Imprese Salute Animale) ha realizzato per comprendere a fondo la natura del rapporto che lega gli italiani agli oltre 60 milioni di animali domestici presenti nel nostro Paese (dati Assalco-Zoomark 2020).

È risultato che 1 italiano su 2 possiede un animale domestico e molti già prima del lockdown, durante il quale c’è stato un incremento delle adozioni.

Il 51% degli attuali possessori dichiara infatti di aver adottato o acquistato il proprio pet già prima del 2016.

Gli italiani e gli animali da compagnia: prima il cane, poi il gatto, fino ad arrivare alle iguane

Stando a quanto rilevato, è il cane l’animale da compagnia più amato, lo possiede infatti il 62% degli intervistati.

Il 55% degli italiani ha optato invece per un gatto e un consistente 27% ha deciso di acquistare pesci, volatili, roditori e animali esotici come serpenti e iguane.

Oggi i nostri amici pet sono veri e propri membri della famiglia: così, infatti, sono considerati dal 91% della popolazione intervistata.

Un’evoluzione dell’animale domestico che da aiuto nel lavoro dell’uomo si è trasformato nel tempo in aiuto al benessere.

italiani e gli animali Bambini

Soprattutto nel periodo Covid-19, in cui più dell’80% tra i proprietari di cani e gatti si è detto confortato dalla loro presenza.

Per il 90% di loro inoltre, convivere con un animale domestico è un importante contributo alla salute psicologica e un supporto allo sviluppo dei bambini.

Il veterinario punto di riferimento principale per la loro salute

Riguardo alla salute dei loro animali, per 7 proprietari su 10, è il veterinario il punto di riferimento principale.

Non manca però l’aiuto offerto da Internet.

Dalla ricerca infatti emerge che l’online continua a rappresentare un’importante fonte di informazioni, soprattutto per chi possiede animali non convenzionali (32%).

Il proprietario naviga su Internet e arriva spesso dal veterinario con una serie di informazioni che possono essere sbagliate” – dichiara Marco Melosi, Presidente ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani).

È importante invece non ricorrere al fai da te o a consigli non professionali trovati su internet, ma fare sempre regolari visite dal proprio Medico veterinario di fiducia non solo a cani e gatti, anche agli animali da compagnia non tradizionali, come un coniglio o un roditore.

Infine, sulla tutela degli animali domestici l’accordo degli intervistati è unanime.

L’82% dei rispondenti pensa che dovrebbero esserci regole più stringenti per quanto riguarda la loro cura e salvaguardia.

Inoltre, l’89% degli italiani ritiene che chi viene accusato di abbandono o maltrattamento dovrebbe subire pene più severe rispetto a quelle previste oggi dal codice.