Maltrattamento: non portare il cane malato dal veterinario è un reato?

Omettere di sottoporre il cane malato a idonee cure e lasciarlo soffrire, secondo la Corte di Cassazione, è un comportamento è doloso e intenzionale, che deve essere punito come maltrattamento.

A cura di: Dott.ssa Paola Fossati

maltrattamento

Il proprietario che si disinteressa della salute del proprio animale, lascia che le sue condizioni si aggravino progressivamente e non lo porta da un medico veterinario, può essere accusato di maltrattamento.

Lo ha confermato la Corte di Cassazione con una recentissima sentenza (Cass. Pen. Sez. III, n. 22579/2019), relativa al caso di un cane affetto da tumori mammari e trascurato dal proprietario, al punto che era stata messa in pericolo la sua stessa sopravvivenza.

Cosa si intende per “maltrattamento” di animali?

Il reato di maltrattamento di animali è punito dal Codice penale, all’art. 544 ter, e si configura quando qualcuno, con crudeltà o senza necessità, causa volontariamente una lesione a un animale oppure lo sottopone a sevizie o comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche.

La giurisprudenza ha già più volte affermato che questo tipo di comportamento sussiste anche qualora la sofferenza consegua all’omissione delle cure e dei provvedimenti necessari per assicurare il benessere e la salute dell’animale stesso.

Trascuratezza e colpevolezza

Nella sentenza sopra citata, i giudici hanno confermato che il lasciar patire un animale per una malattia senza farlo curare, nemmeno quando la situazione si protrae e si aggrava, “configura una lesione rilevante per il reato di maltrattamento di animali, art. 544 ter”.  

A supporto di questa interpretazione, viene richiamata una relazione tra questo reato, in danno di animali, e quello che punisce chi causa lesioni personali a un uomo (art. 582 c.p.). In particolare, si precisa che l’integrità di un individuo può essere compromessa anche da “un significativo processo patologico o l’aggravamento di esso”, con conseguenti sofferenze. Ciò vale anche nel caso di un animale.

E’ importante evidenziare che l’assenza di cure, quando la compromissione delle funzioni dell’organismo o comunque la sofferenza sono evidenti, è ritenuta dolosa, cioè frutto di un comportamento volontario.

Sembra difficile poter affermare che una persona voglia di proposito creare un danno al proprio animale oppure consenta consapevolmente che questo soffra.

Ma il proprietario, in questi casi, è considerato responsabile e deve rispondere di un grave reato.

CONDIVIDI