L’olfatto negli animali: che odori sente il gatto?

Quali odori sente il gatto? E cosa significano per lui? Il gatto sente gli odori meglio di noi, ma meno bene del cane. E alcuni su di lui producono reazioni particolari.

Quali odori sente il gatto

Che odori sente il gatto? Cosa sono gli odori per il gatto?

Nel mondo animale, l’odore è utilizzato per individuare gli alimenti e orientarsi nello spazio.

Nel gatto però occorre distinguere le diverse percezioni: ciò che sente (odore), ciò che assapora (gusto) e la percezione dei feromoni.

Mentre per la vista e l’udito le informazioni sensitive sono rapide e transitorie, l’olfatto percepisce delle informazioni lente e persistenti.

Gli odori sono infatti ancora identificabili dopo qualche ora, alcuni giorni o addirittura dopo alcune settimane da parte di chi può percepirli.

odori sente il gatto naso

La mucosa olfattiva è di 20 cm2 nel gatto (e soltanto 4 nell’uomo).

Rispetto a noi ha un numero di cellule nervose legate all’olfatto quattro volte superiore.

Quindi sente molto meglio di noi, ma meno bene del cane.

Il comportamento di annusare e gli odori che sente il gatto

Si può dedurre ciò che sente il gatto partendo dal suo comportamento di fiutare e di annusare.

Il gattino, prima dell’apertura degli occhi e delle orecchie, individua i capezzoli della madre, riconosce l’odore del suo nido e si arrampica in questa direzione.

Il gatto adulto annusa i conspecifici muso contro muso e muso contro ano nel riconoscimento sociale.

L’annusare è sistematicamente legato alla scoperta della novità, che si tratti di un individuo o di un oggetto.

Il gatto reagisce all’odore di una decina di piante fra cui la valeriana e la cataria chiamata anche erba gatta, che inducono reazioni di eccitazione, fino a rotolarsi per terra.

odori sente il gatto erba gatta

Questa sensibilità è estremamente accentuata e se il vostro gatto non reagisce alla cataria vuol dire che appartiene a quel 30-50% di gatti insensibili a questo tipo di odore.

Salvo eccezioni, il gatto potrebbe seguire l’odore di una traccia lasciata da un topo fino alla sua tana, anche se solitamente non segue la pista lasciata dalle sue prede.

In compenso, localizza molto bene le fonti di cibo.

Alcuni odori alimentari (salmone, pollo allo spiedo, ecc.) provocano fasi di eccitazione, talvolta incontrollabili.

Al gatto danno fastidio i cattivi odori? Quelli che noi chiamiamo cattivi odori e gli odori che provocano nel gatto reazioni di evitamento (o di aggressione) sono diversi: alcuni profumi umani o la naftalina, ad esempio.

Il gatto sente l’odore della paura?

Una ricerca recente ha mostrato che la donna è capace di percepire l’odore di paura di un’altra donna.

Essendo il gatto più sensibile agli odori dell’uomo, si può scommettere che anche il gatto senta l’odore della paura degli umani e associ tale odore ad alcuni dei loro comportamenti.

Concludendo, il gatto utilizza l’olfatto nella ricerca e nell’identificazione degli alimenti, nel riconoscimento sociale e territoriale e nella caratterizzazione degli oggetti.

 

Articolo tratto dal libro “Tutto sulla psicologia del gatto” di J. Dehasse. Per approfondire clicca sul libro come il gatto vede l’uomo Libro Dehasse