Le associazioni gattofile in Italia, Europa e nel mondo

0

A cura di: Dott.ssa Laura Settimo

le associazioni gattofile

Le associazioni gattofile sono numerose nel mondo anche se inizialmente la passione del gatto di razza prese piede solo nel Regno Unito, per poi diffondersi anche nel resto dell’Europa e del Mondo.

Nacquero di conseguenza molte associazioni di appassionati e allevatori i cui scopi principali erano e sono tuttora la gestione dei Libri Genealogici, la definizione degli standard e la promozione della conoscenza del gatto a tutti i livelli.

Alcune di esse hanno ingrandito le proprie fila e si sono federate a livello internazionale; altre hanno avuto vita breve e si sono estinte.

Vi segnaliamole principali con la loro area di maggior diffusione:

  • FIFe: Féderation Internatinale Féline (Europa)
  • CFA: Cat Fanciers’ Association (Stati Uniti e Estremo Oriente)
  • GCCF: Governing Council of the Cat Fancy (Regno Unito)
  • TICA: (Stati Uniti)
  • WCF: World Cat Federation (Europa continentale)
  • ACF: Australian Cat Federation (Oceania)

Le associazioni gattofile in Italia

In Italia l’Associazione gattofila con il maggior numero di Soci è l’ANFI, Associazione Nazionale Felina Italiana, che conta alcune migliaia di soci e aderisce alla FIFe (Federazione Internazionale Felina).

Esistono anche alcune piccole realtà federate al WCF, una associazione indipendente da qualsiasi circuito internazionale e un modesto numero di soci di Club appartenenti alla TICA e al CFA.

In Italia la prima manifestazione espositiva pubblica in campo felino ebbe luogo nel 1934 a Torino, città nella quale, dopo la forzata inattività a causa della Seconda Guerra Mondiale, nel 1946 venne fondata la Società Felina Italiana, il cui nome venne in seguito mutato in Federazione Felina Italiana e ancora successivamente in Associazione Nazionale Felina Italiana.

L’ANFI è legalmente riconosciuta con D.M. 6/8/1997 nonché Autorizzata dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali alla Gestione del Libro Genealogico del Gatto di Razza con DM 9/6/2005 prot. 22790 modificato con DM 13/10/2008 prot. 12953. La sua sede è tuttora nella città di Torino.