L’alimentazione dell’uromastice: qual è quella ottimale?

L'alimentazione dell'uromastice deve essere molto varia e comprendere prevalentemente vegetali, occasionalmente legumi e cereali, una quota minore di frutta (circa 10%), integratori vitaminici e minerali.

A cura di: Dott. Kiumars Khadivi-Dinboli

alimentazione dell'uromastice

L’alimentazione dell’uromastice ha ruolo fondamentale per la sua salute e la sua crescita: attenzione particolare soprattutto per quelli tenuti in cattività. Gli uromastici, conosciuti anche come lucertole dalla coda spinosa, sono animali prevalentemente vegetariani e si nutrono preferibilmente in tarda mattinata e nel primo pomeriggio, quando la temperatura nel terrario è sufficientemente elevata per garantire l’ottimale svolgimento delle funzioni digestive.

La loro dentatura è tipica degli erbivori e serve a strappare piante ed arbusti. Non è necessario somministrare acqua a questi sauri, infatti traggono il corretto apporto idrico dai vegetali di cui si nutrono.

In cattività è molto difficile riuscire a somministrare una dieta che soddisfi pienamente i fabbisogni dell’animale; gli alimenti disponibili in commercio spesso rispecchiano solo parzialmente le caratteristiche nutrizionali di quelli che l’uromastice trova in natura.

L’alimentazione dell’uromastice deve essere molto varia e comprendere prevalentemente vegetali, occasionalmente legumi e cereali, una quota minore di frutta (circa 10%), integratori vitaminici e minerali.

Gli animali giovani hanno più bisogno di proteine animali e la dieta può essere integrata con insetti come: grilli, piccole locuste, camole del miele, camole della farina, caimani, ecc. Gli adulti devono mangiare solo verdure, legumi, cereali, fiori e frutta il più vari possibile integrati con le vitamine e i minerali necessari.

Vanno bene anche i cibi secchi preconfezionati (per esempio quelli per iguane) che si trovano nei negozi specializzati.

Per un’alimentazione ottimale meglio preferire vegetali ricchi di fibra grezza ed in cui il rapporto Ca/P sia a favore del calcio. Gli altri vegetali e frutti potranno essere impiegati in modica quantità per variare la dieta.

Alcuni vegetali contengono sostanze che possono risultare dannose se assunte in eccesso e per lunghi periodi: ad esempio i vegetali della famiglia del cavolo, gli spinaci e la soia.

Un riassunto sull’alimentazione dell’uromastice da usare come dieta base è il seguente:

Base alimentare:

  • Lattuga romana, rucola, radicchio, scarola, indivia, trevisana, chioggia, soncino, valeriana
  • Dente di leone, trifoglio, cicoria, boraggine, erba medica, portulacca, robinia o pseudoacacia
  • Piselli secchi e freschi, legumi con baccello
  • Lenticchie
  • Mais dolce
  • Riso (meglio quello integrale), orzo, grano, grano saraceno, quinoa, miglio
  • Patate dolci
  • Carote
  • Semi per uccelli 

Frutta e vegetali per variare la dieta:

  • Mela, agrumi, papaia, mango, fico d’india, fico, pera, anguria, melone, uva, more
  • Zucca, zucchine, carote, patate dolce, germogli
  • Pomodori
  • Spinaci, cavolo (con moderazione)
  • Petali di fiori non tossici e non trattati (ibisco, rose, margherite)

Frutta e vegetali da usare raramente:

  • Pesca, albicocca, prugna, fragole, banane
  • Lattuga iceberg ed altre, cetrioli, asparagi
  • Cavolfiore, broccoli, cavolini di Bruxelles

Alimenti da evitare:

  • Tutte le sostanze a base di proteine animali
  • Formaggi, pasta, uova, avanzi di cucina

É di essenziale importanza integrare la dieta con minerali e vitamine, soprattutto durante i periodi della crescita e della riproduzione. Tuttavia, spesso si incorre nell’errore di somministrare vitamine e minerali in quantità superiori al necessario, soprattutto nei soggetti cui vengono offerti mangimi secchi. Meglio impiegare solo prodotti specificatamente formulati per i rettili, ormai facilmente reperibili in commercio.

Curiosità:

L’uromastice è un animale cacciato per la prelibatezza delle proprie carni e sopratutto della coda, dove l’animale accumula adipe e riserve alimentari.

FONTE: LaSettimanaVeterinaria

CONDIVIDI