La figura del gatto nero nelle tradizioni dei vari Paesi d’Europa

Le credenze sul gatto nero iniziarono durante il Medioevo. Da lì si diffuse la superstizione che fossero sotto il controllo del demonio e portasse sfortuna...

A cura di: Dott.ssa AnnaPaola Rivolta

gatto nero

Spesso si parla di superstizione se pensiamo al gatto nero, visto spesso come simbolo di sventura (retaggio di tradizioni medievali); il 17 novembre, però, è la sua giornata mondiale!

Come viene visto il gatto nero in Europa?

È interessante quindi capire come viene visto nel resto d’Europa, perché ogni Paese ha una sua usanza.

Germania

In Germania il gatto nero si considera recante sfortuna solo se attraversa la strada da sinistra a destra, mentre da destra a sinistra porta fortuna!

Regno unito

Nel Regno Unito sono all’opposto della Germania: il gatto porta sfortuna se attraversa da destra a sinistra, e fortuna al contrario. Interessante, no?

Il gatto nero o chat noir in Francia

Le chat noir, famosissimo simbolo francese, porta sfortuna ma soprattutto se li si possiede: non a caso, sono molti i gatti neri che vengono abbandonati o non vengono adottati.

Esiste una campagna a favore dei gatti neri, su Instagram, con #perlenoire, in quanto sono difficili da fotografare e quindi da possedere da parte degli…influencer!

Spagna

Il gatto nero, anche nella Penisola iberica, porterebbe sfortuna soprattutto se attraversa la strada; il retaggio arriva dal Medioevo quando il povero animale veniva arso in piazza a Barcellona per la festa di San Juan, per esorcizzare la jella.

Svezia

In questo Paese c’è la giornata dedicata al gatto dal manto scuro, chiamata Svarta kattens Dag: per gli svedesi il gatto nero porta sempre sfortuna attraversandoci la strada, ma se sputiamo tre volte dietro la spalla sinistra risolveremo il problema.

Insomma, tutta l’Europa non vede di buon occhio il bel felino scuro: è il caso di invertire la rotta e aumentare le adozioni di questo splendido animale!

CONDIVIDI