Obesità nel gatto: quando il gatto mette i chili di troppo, cause e rimedi

L'obesità è una condizione patologica caratterizzata da accumulo di grassi abbondantemente in eccesso, pari al 20-30% in più del peso ideale, rispetto al necessario funzionamento ottimale del corpo.

0
obesità nel gatto

L’obesità nel gatto è una forma di malnutrizione sempre più frequente e colpisce il 20-40% dei gatti domestici di tutto il mondo.

  • In genere colpa dell’obesità nel gatto viene attribuita all’alimentazione, troppo abbondante o troppo ricca. In altri casi gli squilibri alimentari derivano dalla scarsa conoscenza della fisiologia del gatto e quindi dalla convinzione che qualche bocconcino extra non possa certo essere pericoloso ma solo appagante per il felino, con conseguente eccessiva assunzione di determinati principi nutritivi.
  • Si indica come sovrappeso un aumento ponderale del 10-15% e come obesità un aumento superiore al 20%.Il bisogno energetico di un felino adulto sedentario è di 60 kcal di energia metabolizzabile per chilo al giorno. La castrazione porta questo bisogno a 40-50 kcal per chilogrammo di peso.
  • È importante ridurre l’assunzione di calorie più che il tenore di grassi: la diminuzione del contenuto lipidico ha l’effetto di determinare un calo della densità energetica del cibo ma questo si può ottenere con l’aumento del contenuto di fibra e di acqua, riducendo al minimo qualsiasi perdita di massa magra, evitando la carenza di amminoacidi essenziali.
  • Particolare attenzione bisogna riservare ai gatti anziani: devono ricevere un’alimentazione completa ed equilibrata, di buona qualità.
    Se l’animale è in buone condizioni di salute e non necessita di un’alimentazione dietetica specifica, la razione può essere semplicemente adattata al peso e al livello d’attività.
  • Con uno stile di vita più sedentario, questi gatti tendono a ingrassare e, di conseguenza, può essere indicato un ridotto apporto di calorie.