Allergie e intolleranze alimentari nel cane: come comportarsi

allergie e intolleranze alimentari

Le allergie e intolleranze alimentari sono fenomeni patologici immunomediati caratterizzati da ipersensibilità a uno o più antigeni alimentari.

Il principale segno clinico è il prurito, mentre i sintomi gastrointestinali (diarrea e vomito) sono meno frequenti (10-15% in concomitanza o meno dei segni cutanei).

La corretta diagnosi di allergia alimentare prevede tre fasi: la dieta di eliminazione, la prova di scatenamento e l’identificazione dei singoli alimenti allergenici.

L’unica terapia attuabile è la gestione alimentare, che deve essere mantenuta per tutta la vita dell’animale. Le allergie alimentari sono processi immunomediati e nella loro eziopatogenesi è quindi coinvolta l’attivazione del sistema immunitario.

Corretta diagnosi e terapia adeguata possono essere instaurate e decise solo da un medico veterinario.

Al contrario, le intolleranze alimentari non attivano il sistema immunitario ma sono di natura:

  • metabolica: in genere dovute a un difetto congenito nel metabolismo che porta a una risposta anormale a un componente dell’alimento, ad esempio la mancanza dell’enzima lattasi a livello intestinale porta a diarrea;
  • farmacologica: quando un componente alimentare mima l’effetto farmacologico di una sostanza agendo allo stesso livello recettoriale, ad esempio le metilxantine nel cioccolato o l’istamina nel pesce e nei formaggi;
  • tossica: causate da tossine nell’alimento o prodotte da microrganismi presenti nell’alimento;
  • idiosincrasica: simili alle reazioni allergiche, ma l’eziopatogenesi non è di natura immunitaria ma è dovuta alla degranulazione dei mastociti con rilascio di istamina.
CONDIVIDI