CARDIOMIOPATIA RESTRITTIVA (RCM)

    0

    Definizione

    Miocardiopatia primitiva del gatto, caratterizzata da fibrosi e conseguente irrigidimento del miocardio, tanto da determinare disfunzione diastolica ventricolare.

    Eziopatogenesi

    In base alla disposizione del tessuto fibroso si riconoscono due forme: endomiocardica (localizzazione all’endomiocardio) e miocardica (diffusione a tutto lo spessore del miocardio).

    Si ritiene che l’eziologia sia verosimilmente di tipo multifattoriale. Cause di tipo infettivo, tossico e immunomediato sembrano compartecipare al determinismo della cardiopatia, come avvalorato da riscontri istopatologici di infiltrati infiammatori.

    La patologia interessa tipicamente il gatto adulto, soprattutto di sesso maschile, indipendentemente dalla razza, coinvolgendo soprattutto il ventricolo sinistro e talvolta quello destro. La riduzione di elasticità ventricolare determina: aumento delle pressioni di riempimento ventricolare; sovraccarico pressorio e dilatazione dell’atrio sinistro (il ristagno di sangue nell’atrio predispone al verificarsi di fenomeni tromboembolici); ipertensione venosa polmonare con conseguente edema e versamento pleurico.